Amsi-Umem-Uniti per Unire: aumenta la necessità di Mmg

Mag 23, 2024 | Professioni

Il presidente Foad Aodi: Appoggiamo a pieno l’iniziativa del Vaticano “Thank you, doctor!” con il Papa che il prossimo 28 maggio accoglierà una delegazione di medici di base

Qualche giorno fa in Italia è stata celebrata la Giornata dei Medici di Famiglia. Amsi, Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, accanto a Umem, Unione Medici Euromediterranea, sotto l’egida del Movimento Internazionale Uniti per Unire, appoggia a pieno l’iniziativa del Vaticano, con il Santo Padre che il prossimo 25 maggio accoglierà oltre 300 camici bianchi, promotori della campagna “Thank you Doctor!”, che ha già raccolto il sostegno di oltre un milione di persone, per inculcare, nella collettività, la consapevolezza di quanto sia fondamentale, oggi, allo stato dell’arte del nostro Sistema Salute, accanto alle figure più specializzate, il ruolo dei medici di base, da sempre punto di riferimento fondamentale per il rilancio di una sanità di prossimità che deve riprendere a funzionare, per il bene delle famiglie, degli anziani, dei bambini, dei soggetti più fragili, dei disabili, dei malati cronici.

Papa Francesco riceverà questo sabato, 25 maggio 2024, i promotori della campagna “Thank you, doctor!” (ThankYouDoctor.org) un’iniziativa globale che cerca di valorizzare il ruolo umanizzante che i medici di base svolgono nel sistema sanitario e nella società. L’iniziativa, lanciata il 16 novembre 2023 in Vaticano, ha raccolto l’adesione di oltre un milione di persone, molti di loro membri di alcune delle associazioni mediche più rappresentative e di organizzazioni della società civile. La campagna è stata avviata da Somos Community Care, un’associazione medica no-profit di New York, in collaborazione con la Pontificia Accademia per la Vita, un’istituzione della Santa Sede che riunisce studiosi per la loro competenza accademica ed eccellenza professionale, senza discriminazioni sulla base dell’origine geografica o religiosa.

“Amsi, Umem e Uniti per Unire, coadiuvati dalla Web Tv Scuola Unione per l’Italia e da Radio Co-mai Internazionale, con i suoi progetti di formazione e divulgazione culturale, da sempre sostengono la necessità del rilancio della figura professionale del medico di famiglia, di cui il nostro Sistema Sanitario non può fare a meno” spiega Foad Aodi, Esperto in Salute Globale, Presidente di Amsi e del Movimento Uniti per Unire, nonché Docente di Tor Vergata e membro del Registro Esperti della Fnomceo dal 2002. “Le nostre associazioni appoggiano a pieno a questa iniziativa internazionale della Chiesa. Al momento seguiamo oltre 50 progetti nel mondo che riguardano la tutela e il rilancio della Buona Salute Globale Internazionale, con al primo posto la formazione, la ricerca, la collaborazione tra professionisti seppur nel rispetto dei differenti ruoli e delle diverse responsabilità, ma soprattutto la valorizzazione economica e contrattuale dei medici e degli infermieri. Il medico di famiglia, in particolare il pediatra di famiglia, deve tornare a essere un punto di riferimento per le necessità della collettività, ed è per questo che occorre rilanciare la professione: le sue competenze, oltre che la sua carica umana nel rapporto quotidiano con i cittadini, sono prerogative di cui non possiamo fare a meno. Le nostre indagini – prosegue Foad Aodi – indicano che sono arrivate ben 8500 richieste di professionisti sanitari all’Amsi negli ultimi 5 anni da parte di enti pubblici e privati. La necessità dei medici di base si colloca al terzo posto assoluto tra le richieste con oltre 750 chiamate dal pubblico e dal privato. Lombardia, Piemonte, Campania, Lazio e Veneto, ma anche territori turistici come Calabria, Sicilia, Sardegna, sono ai primissimi posti in Italia tra le Regioni maggiormente bisognose dei medici di famiglia, da cui sono arrivate ad Amsi le maggiori richieste di medici di famiglia ma anche di professionisti sanitari stranieri. Non riusciamo, è un dato di fatto allarmante, a pareggiare i pensionamenti. Non c’è il necessario ricambio generazionale di medici di base, che sono in netta diminuzione e hanno bisogno di supporto, accanto naturalmente alla richiesta di figure specializzate quali chirurghi, pediatri, ortopedici, neurologi, anestesisti, radiologi, di cui in primo luogo il Paese ha bisogno, senza dimenticare le figure dei reparti di emergenza urgenza e gli infermieri specializzati come quelli di sala operatoria e delle terapie intensive, richiestissimi all’estero, con offerte che superano i 3500 euro in Germania, e con cifre oltre i 4mila euro in Svizzera e in Norvegia e oltre i 6mila euro nei Paesi del Golfo.

In definitiva sono troppi in Italia ad oggi i cittadini che si ritrovano senza medico di base e questa è una piaga che va sanata. Non possiamo lasciare che la situazione si aggravi nelle regioni sopra indicate. Ed è per questo che Amsi, Umem e Uniti per Unire – prosegue il presidente – continueranno senza sosta nelle proprie campagne di comunicazione e di divulgazione sulla necessità che tutti, nessuno escluso, facciano la propria parte per una Buona Sanità Globale Internazionale. Tutto questo rientra da sempre negli obiettivi delle nostre associazioni, dove con la Scuola Unione per l’Italia combattiamo per l’internazionalizzazione dei servizi sanitari, intensificando la cooperazione con i paesi più deboli e bisognosi, contribuendo ad una maggiore umanizzazione del rapporto medico-cittadino, snellendo la burocrazia, rivedendo finalmente i salari equiparandoli a quelli dei principali Paesi Europei, sostenendo la depenalizzazione dell’atto medico e contrastando la medicina difensiva, aiutando i professionisti di origine straniera a integrarsi maggiormente nei nostri sistemi sanitari, dal momento che sono una risorsa importantissima su cui puntare. Tutto questo non può essere realizzato senza l’impegno della nostra politica, senza il sostegno delle istituzioni, senza un Governo lungimirante che punti a ricostruire il nostro sistema sanitario, abbattendo le liste di attesa e cancellano i tetti di spesa dei professionisti, investendo maggiormente nella sanità, dove siamo agli ultimi posti in Europa come cifre erogate nel sistema sanitario, con gli ultimi 15 anni di tagli, austerity e pessime gestioni.

Non smetteremo mai di guardare, con le nostre associazioni, ai paesi più deboli, a quelli dove le guerre, i conflitti, le malattie, i sistemi sanitari privi del giusto numero di professionisti, portano alla morte certa di bambini, donne e anziani. È a queste nazioni che dobbiamo puntare oltre che al rilancio della nostra sanità, abbiamo il dovere di non lasciarli soli, abbiamo il dovere di lavorare per fare in modo che in questi territori non si creino pericolosi deserti sanitari, favorendo sì la buona immigrazione di professionisti con forti competenze, ma combattendo i pericolosi esodi e l’indebolimento di sistemi sanitari che rimarrebbero senza medici e senza infermieri. Non possiamo permetterlo”.

Inoltre aggiunge il presidente “Non smetteremo di lottare per cancellare l’obbligo della cittadinanza per i professionisti sanitari stranieri, favorendo il loro indispensabile inserimento nelle regioni che hanno più bisogno, sostenendo la loro partecipazione ai nostri concorsi che troppo spesso finiscono deserti, dove troppo spesso i posti messi a disposizione si rivelano alla fine superiori al numero di professionisti assunti, anche a causa delle offerte economiche poco dignitose. Possiamo, tutti insieme, contribuire a cambiare le cose”.

NEWS 

TERRITORIO 

LE NOSTRE INTERVISTE

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Con il presidente Simg, Alessandro Rossi, scattiamo un’istantanea della medicina generale declinandone criticità e prospettive. “Serve un cambio di passo per rendere efficace la medicina territoriale”

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
“L’intero sistema va ripensato”

“L’intero sistema va ripensato”

Ai nostri microfoni il neo presidente dell’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato ci indica le priorità da affrontare “accanto al Governo”

Dipende anche da noi

Dipende anche da noi

In tema di prevenzione sappiamo abbastanza bene che cosa dovrebbero fare le istituzioni, dal Ministero alle Regioni, dalla scuola a tutte le centrali educative. Ma dovrebbe essere normale volersi un po’ bene

Aiop: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale

Aiop: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale

L’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato rinnova le cariche sociali. Pelissero, in carica per il quadriennio 2024 – 2028, succede a Barbara Cittadini

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni

PS-News

Ogni venerdì il riepilogo dei migliori articoli del mondo della sanità