Anziani, un nuovo modello di assistenza

Feb 9, 2024 | FIASO, Governo e Parlamento

Al Senato la discussione del Dl della Legge 33/2023 dedicata alla profonda riforma dell’assistenza alla popolazione anziana, alla fragilità e alla non autosufficienza. Il position paper di Fiaso, SItI, Raph e Aspher 

di Palombi L.[1], Baldessin L.[2], Liotta G.[3], Moscato U.[4], Petralia P.[5], Ricciardi W.[6], Signorelli C[7].

Il 7 febbraio scorso, si è svolta nell’aula Zuccari del Senato una presentazione del decreto legislativo della Legge 33/2023 dedicata ai suoi aspetti sanitari e sociosanitari. Erano presenti Mons. Paglia, Presidente della Commissione per l’attuazione della riforma sociosanitaria per la popolazione anziana del Ministero della salute, la Viceministro Maria Teresa Bellucci coordinatore del tavolo di Palazzo Chigi per la 33/2023, il Senatore Francesco Zaffini, Presidente della Commissione senatoriale Sanità e Affari sociali e relatore della Legge. La visione della 33, ha commentato nel suo saluto il Presidente Paglia, è quella di reinventare la vecchiaia a partire dai diritti di tutti i 14 milioni di anziani, a partire da quello di restare presso la propria abitazione e di ricevere in quel contesto le cure necessarie.

Sotto il patrocinio di Edra e della Fondazione “Età grande” l’evento, promosso dalla Roman Academy of Public Health -Raph, ha visto il coinvolgimento della Federazione Fiaso e delle società scientifiche SitI e Aspher. Insomma, la sanità pubblica nel suo insieme, si è trovata a riflettere sull’altra metà della Legge 33, quella forse meno nota, ma altrettanto importante, dedicata ad una profonda riforma della assistenza domiciliare, connotata da una integrazione vera delle valutazioni e degli interventi di matrice sociale, sanitaria e assistenziale. Non solo, la 33 esprime la necessità di una reale presa in carico, in senso continuativo, della Adi, raccordandola con l’ospedale, sia dal punto di vista della medicina digitale che da quello delle dimissioni protette. I diversi partecipanti hanno sottolineato la innovatività di una legge che per la prima volta dà “certezza del diritto per la assistenza agli anziani” – sono le parole della Bellucci – “anche attraverso la bollinatura ed il finanziamento della 33”. Per altro verso le società scientifiche hanno voluto sottolineare come le tante novità della legge richiedano un regime di sperimentazioni che, dal basso, dai territori, consenta di aggregare i diversi attori – Aziende sanitarie, Ospedali, Comuni e Ats, Terzo settore, volontariato e Università, in iniziative che consentano una valutazione di efficacia e di gradimento. Anche in questa prospettiva si inserisce il percorso della Fiaso di aver promosso in questi mesi la conoscenza della legge tra le aziende sanitarie italiane e di averne coinvolte già una cinquantina nel gruppo di lavoro per presentare le sperimentazioni sulla legge 33.

L’estratto del position paper degli aderenti all’iniziativa.

[1] Segretario Commissione per l’attuazione della riforma della assistenza sociosanitaria per la popolazione anziana del Ministero della salute, Presidente della Roman Academy of Public Health – RAPH
[2] Ceo EDRA S.p.A.
[3] Professore Ordinario di Igiene e Sanità Pubblica presso Università di Tor Vergata, Roma Coordinatore del Sito Europeo per l’invecchiamento
[4] Professore Associato presso Università Cattolica di Roma e Segretario Roman Academy of Public Health – RAPH
[5] Vicepresidente FIASO
[6] Professore Ordinario di Igiene Generale e Applicata, presso Università Cattolica di Roma, Presidente Mission Board of Cancer, Commissione Europea
[7] Professore Ordinario di Igiene e Sanità Pubblica presso Università Vita-Salute, San Raffaele di Milano, Presidente ASPHER

TERRITORIO 

E ANCORA 

LE NOSTRE INTERVISTE

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Con il presidente Simg, Alessandro Rossi, scattiamo un’istantanea della medicina generale declinandone criticità e prospettive. “Serve un cambio di passo per rendere efficace la medicina territoriale”

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
“L’intero sistema va ripensato”

“L’intero sistema va ripensato”

Ai nostri microfoni il neo presidente dell’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato ci indica le priorità da affrontare “accanto al Governo”

Dipende anche da noi

Dipende anche da noi

In tema di prevenzione sappiamo abbastanza bene che cosa dovrebbero fare le istituzioni, dal Ministero alle Regioni, dalla scuola a tutte le centrali educative. Ma dovrebbe essere normale volersi un po’ bene

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni