Aou Senese: protagonista in Kenya per la formazione del personale sanitario in ambito neonatale

Mar 29, 2024 | Territorio

 La cooperazione internazionale dell’Azienda ospedaliero-universitaria prosegue con le attività di formazione. Una collaborazione iniziata nel 2005 con il North Kinangop Catholic Hospital e, nel 2012, con il Ruaraka Uhai Neema Hospital

La cooperazione internazionale dell’Aou Senese punta sulla formazione. Si sono appena conclusi 15 giorni di formazione del personale sanitario in ambito neonatale, al Ruaraka Uhai Neema Hospital, in Nairobi e istituito dalla organizzazione non governativa “World Friends”, e al North Kinangop Catholic Hospital situato a nord est di Nairobi. La cooperazione internazionale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese prosegue quindi con le attività di formazione, in adesione al progetto del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale “Establishment of a Health network in Kenya-Uganda-Tanzania AICS Nairobi- Centro Salute Globale Regione Toscana. Progetto Multicountries Aics Nairobi affidato al Csg Regione Toscana”, con la regia del Centro di salute globale della Regione Toscana. In questo ambito l’Aou Senese era già stata coinvolta nel 2021 per la valutazione e la fattibilità del progetto, attraverso una prima missione di supervisione con un relativo studio di fattibilità. La missione in oggetto si è svolta dal 2 al 16 marzo, la formazione si è incentrata principalmente sull’Essential newborn care e sulla Kangaroo mother care, sono stati formati 118 professionisti tra medici, infermieri, ostetriche e clinical officer, ed è stata guidata da Stefano Zani, neonatologo e referente operativo della cooperazione internazionale dell’Aou Senese, e da Barbara Tomasini, direttrice della Terapia intensiva neonatale, coadiuvati dai medici specializzandi in Pediatria Mattia Zorn e Margherita Maria Rossi. “Abbiamo registrato delle ottime risposte alle attività di formazione – spiega Stefano Zanisia in termini numerici che in termini qualitativi. Nella valutazione delle buone pratiche in ambito neonatale è stato riscontrato un netto miglioramento dei dati intraospedalieri delle due strutture e, durante la missione, è stato stilato un programma di implementazione in ambito neonatale, con una programmazione temporale per il miglioramento della qualità delle cure e una verifica semestrale e annuale della progressione delle attività. Proseguono dunque i nostri progetti, con una collaborazione iniziata nel 2005 con il North Kinangop Catholic Hospital e, nel 2012, con il Ruaraka Uhai Neema Hospital”. Durante queste due settimane è stata anche intrapresa una missione esplorativa per valutare una collaborazione tra la Scuola di specializzazione in Pediatria dell’Università di Siena, diretta da Salvatore Grosso, e uno dei due ospedali kenyoti coinvolti nella formazione. I progetti di cooperazione internazionale dell’Aou Senese proseguiranno nel mese di aprile, al North Kinangop Catholic Hospital, con una formazione specifica in ambito anestesiologico per la gestione di emergenze e urgenze in ambito pediatrico e adulto, grazie alla partecipazione del dottor Salvatore Quarta dell’Anestesia e rianimazione perioperatoria e generale e della specializzanda Chiara Minelli della Scuola di Specializzazione in Anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore diretta da Sabino Scolletta, e di un Team della Lombardia. La continuità della collaborazione è legata anche ai progetti dell’Otorinolaringoiatria diretta da Marco Mandalà e dall’Oculistica, diretta da Gian Marco Tosi.

GOVERNO 

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Per il presidente “la riforma deve essere un’opportunità per individuare i correttivi per una maggiore equità. Attraverso la fiscalità indiretta ci sarebbero i margini per assicurare a tutte le regioni la copertura dei Lep, magari anche aumentando le risorse stanziate per il Fsn

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

PROFESSIONI

“Serve una grande riforma strutturale”

“Serve una grande riforma strutturale”

L’appello del Forum delle 75 Società Scientifiche dei Clinici Ospedalieri e Universitari Italiani. “In 2 anni (2020-22) -32.500 posti letto, troppi i medici in fuga a rischio le cure per tutti. Il Coordinatore Cognetti: “È indispensabile il potenziamento degli ospedali”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni