Autismo, Tutto cambierebbe se si potessero fare diagnosi biochimiche e genetiche sulle condizioni organiche

Apr 2, 2024 | Voci

Nella giornata internazionale della consapevolezza sull’Autismo, proponiamo alcune considerazioni sul rilevante aumento della popolazione di studenti con disabilità e in particolare con disturbo dello spettro autistico

di Carlo Hanau*, Flavio Sartoretto**

Consideriamo i dati contenuti nel Report Istat denominato “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità anno 2022-2023” (pubblicato lo scorso 2 febbraio e disponibile, assieme alle relative tavole, a questo link). Vedere in particolare la Tavola riportata, dove il “Disturbo dello sviluppo psicologico” (alias ASD, alias “Disturbi generalizzati dello sviluppo psicologico”, alias “Sviluppo”) sono nettamente prevalenti su tutti gli altri nella scuola dell’infanzia e in quella primaria.

Rispetto all’anno precedente si stima una fortissima crescita: si arriva a 338mila alunni e alunne con disabilità (+7%). Così si raggiunge il 4,1% di tutti gli alunni e alunne di tutti gli ordini e gradi. Nell’A.S.2018-2019 il numero degli alunni con disabilità certificata ammontava a 284mila, 3,3% sul totale. Fra l’A.S. 2018-2019 e quello 2022-2023 si sviluppa la pandemia COVID che giustificherebbe un approfondito confronto fra questi anni.

L’aumento degli alunni con disabilità avvenuto nella scuola primaria nell’ultimo anno, 5,1% rispetto a 4,8% nel 2021-2022, è l’indicatore più importante e deve essere interpretato come segnale fortemente negativo. In questa fascia di età le disabilità vengono riconosciute quasi tutte e non si presenta ancora il fenomeno dell’abbandono scolastico, anche perché la scuola primaria italiana è abbastanza inclusiva. Il calo dovuto ad abbandono aumenta moltissimo nella secondaria di secondo grado. Per questi motivi si ritiene che l’indicatore di prevalenza della disabilità nelle fasce di età della scuola primaria sia quello maggiormente rappresentativo dell’aumento della disabilità fra gli alunni.

L’aumento delle diagnosi di autismo era prevedibile e sarà ancora più forte nel futuro, come dimostrano i Paesi più progrediti, come l’Australia. L’Italia segue col ritardo di 11 anni quello degli USA (Cfr. Stati Uniti d’America, l’autismo aumenta ancora ). Il nuovo rapporto dell’Istat consente di aggiornare alcune nostre considerazioni su questi temi, già espresse nei seguenti contributi: Autismo, criteri diagnostici e prevalenza: una riflessione critica  e Riflessioni sul nuovo Rapporto ISTAT dedicato agli alunni con disabilità ). Piuttosto che negare l’aumento reale, occorre migliorare la conoscenza della sua eziologia, che è molto differenziata, trattandosi di centinaia di malattie rare e ultrarare. Quelle note sono tutte di origine organica, peccato che non si facciano gli esami per trovarne la frequenza nella popolazione con autismo. La complessità delle cause tutte da chiarire richiede invece una ricerca approfondita, che in Italia è molto trascurata e che la nostra A.P.R.I. richiede da sempre.

La Tavola 13 del Rapporto 2022-2023 dell’Istat https://www.istat.it/it/archivio/293606, mostra che l’ASD (abbreviato come “Sviluppo”) rappresenta il 31,8% del totale degli alunni con disabilità di tutte le scuole, circa 107mila alunni.

Appare chiaro l’aumento notevolissimo dell’ASD nella primaria. L’aumento dell’ASD è stato più elevato delle altre disabilità. L’ADHD (Disturbo della ipercinesia e disattenzione continua), spesso associato all’ASD, cresce molto.

Il numero degli insegnanti di sostegno, è cresciuto più del numero degli allievi con disabilità. Insieme agli Assistenti all’autonomia e alla comunicazione e/o agli Educatori sociopedagogici, se fossero qualificati, basterebbero a coprire tutte le ore necessarie persino per l’intervento precoce intensivo di 25 ore settimanali in rapporto 1:1 di cui alla Linea guida 21 del 2011 sui bambini e adolescenti con autismo.

Su questo argomento abbiamo già scritto molto, avanzando quattro proposte fattibili e sostenibili economicamente dal bilancio pubblico, di cui si può leggere al seguente contributo: La scuola continua a essere drammaticamente impreparata ad accogliere bambini e bambine con autismo (pubblicato sul sito del centro «Informare un’h» il 26 settembre 2023).

*Presidente di Associazione Cimadori per la ricerca italiana sulla sindrome di Down, l’autismo e il danno cerebrale (A.P.R.I.), già Docente UNIMORE

**Senior Researcher Università Ca’ Foscari Venezia

GOVERNO 

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Per il presidente “la riforma deve essere un’opportunità per individuare i correttivi per una maggiore equità. Attraverso la fiscalità indiretta ci sarebbero i margini per assicurare a tutte le regioni la copertura dei Lep, magari anche aumentando le risorse stanziate per il Fsn

Approvato in via definitiva il Decreto Disabilità

Approvato in via definitiva il Decreto Disabilità

Il via libera dal Consiglio dei ministri. A gennaio 2025 sarà avviata la sperimentazione. “Siamo davanti ad una straordinaria opportunità per le persone con disabilità, per le famiglie, per il nostro Paese” afferma il Ministro per le Disabilità, Locatelli

LE NOSTRE INTERVISTE 

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza”, commenta per noi l’impianto del primo decreto attuativo alla Legge 33. Sui tre interventi principali previsti dalla legge “troppa distanza”

Formare ed informare

Formare ed informare

Consumo di alcol e una scarsa consapevolezza dei rischi e delle opportunità di screening peggiorano il quadro delle patologie del fegato e a preoccupare oggi più che mai è la salute dei giovanissimi. Abbiamo ascoltato Vincenza Calvaruso, segretario nazionale Aisf, la quale entra per noi nel merito del problema

“Un sistema più etico”

“Un sistema più etico”

In attesa che la Corte di Cassazione si esprima in merito al meccanismo del payback per i dispositivi medici, Gennaro Broya de Lucia, presidente di Pmi Sanità*, ci regala la fotografia di un momento cruciale per il comparto (e per la Sanità tutta)

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni