Che fatica!

Mar 22, 2024 | Liberamente

Le virtù nel lavoro quotidiano

Lavorare costa fatica e farlo in modo virtuoso ancora di più. Non sempre si esercita il lavoro che si voleva fare, magari il sogno della propria vita, ma si è costretti a espletare quello che le circostanze esistenziali ci hanno offerto. A volte si trovano nuovi e costruttivi stimoli in questo, a volte svogliatezza e noia.
In entrambi i casi il lavoro deve essere sempre “ben fatto”. Non importa se è modesto, umile, socialmente non particolarmente apprezzato o se si tratta di un lavoro di grande responsabilità e prestigio professionale. Che tu sia un operatore ecologico, un bracciante, un medico o un magistrato devi far bene il tuo lavoro. Il lavoro richiede abilità e competenza, ma coinvolge anche le reazioni, lo stato d’animo con cui lo si affronta, i risultati che si intendono conseguire, ecc.
E se deve essere “ben fatto” la dimensione del “bene” da vivere in esso si rivela determinante. La ricerca del ben-essere personale e degli altri nel lavoro richiede la “fatica” di mettere in gioco le virtù decisionali, le virtù manageriali, le virtù sociali e le virtù individuali. Il tutto è scritto con un linguaggio divulgativo e accattivante.



di Salvino Leone
Il pozzo di Giacobbe
pp. 160
14,00 euro

 

 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

L’Iss compie 90 anni

Sabato la cerimonia ufficiale con il Presidente della Repubblica che apre un anno di eventi scientifici. Tra le iniziative Dipartimenti e Centri organizzeranno una serie di seminari con ospiti italiani e stranieri sulle frontiere della scienza

PANORAMA-PS1-24

Ogni mese articoli, inchieste,
opinioni dei maggiori esponenti della sanità italiana.

PS-News

Ogni venerdì il riepilogo dei migliori articoli del mondo della sanità