Cittadini (Aiop): Qualità e accesso alle cure: i problemi non si esauriscono nel divario Nord-Sud

Feb 7, 2024 | AIOP, Voci

La presidente dell’Associazione dell’ospedalità privata commenta i risultai del Rapporto Svimez

“Dal Report Svimez sui divari tra Nord e Sud nella tutela del diritto alla salute emerge un quadro preoccupante, con un Paese diviso almeno in due parti. Occorre compiere scelte coraggiose verso un percorso di efficientamento complessivo che, proprio a partire dagli esempi di eccellenza presenti, anche, nel Meridione, promuova il miglioramento delle cure e ne favorisca l’accesso. In tal senso, la componente di diritto pubblico e la componente di diritto privato del Ssn devono essere valorizzate singolarmente ed accompagnate congiuntamente nel garantire, in sinergia, una risposta efficace all’aumentata e diversificata domanda di salute della popolazione”. Così Barbara Cittadini, Presidente nazionale di Aiop, l’Associazione Italiana delle aziende sanitarie e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato, in merito al Report Svimez “Un Paese, due cure. I divari Nord-Sud nel diritto alla salute” realizzato in collaborazione con Save the Children.

“Se è vero, da una parte, che i dati del Rapporto Svimez – prosegue Cittadini – indicano come nel Mezzogiorno siano carenti i servizi di prevenzione e cura e crescano le diseguaglianze territoriali nell’assistenza, con una spesa sanitaria pubblica ridotta e una mobilità sanitaria sempre più presente, non possiamo dimenticare, dall’altra, che l’eterogeneità nella qualità delle cure offerte nel SSN riguarda le singole strutture erogatrici, a prescindere dalla loro natura giuridica e dalla Regione di riferimento. Come dimostrano i dati del Rapporto Agenas-Aiop sulla Qualità degli Outcome clinici negli Ospedali italiani, ad esempio, ci sono delle aree, come quella della chirurgia oncologica, nelle quali Sud e Isole riportano livelli di qualità superiori o analoghi alle strutture del Nord. Non esiste, quindi, solo un “fenomeno Nord-Sud”, ma occorre guardare cosa succede nel contesto territoriale specifico e valutare quali siano i determinanti, anche organizzativi, degli esiti e le leve di miglioramento nei contesti più svantaggiati”.

Secondo Barbara Cittadini “appropriatezza, esiti, equità, innovazione, sostenibilità e integrazione con il territorio” sono le “dimensioni da tutelare per salvaguardare l’unitarietà e l’omogeneità del SSN”, nella consapevolezza che “l’accesso alle cure non può essere drammaticamente condizionato dalla casualità di risiedere in una determinata area geografica”.

GOVERNO 

Milleproroghe: il testo è legge

Milleproroghe: il testo è legge

Con 93 voti a favore, 61 contrari e un astenuto, l’Assemblea del Senato ha rinnovato la fiducia al Governo approvando definitivamente il Ddl

LE NOSTRE INTERVISTE 

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Il neo eletto presidente di Confindustria Dispositivi Medici, Nicola Barni ha le idee chiare: “Vogliamo aprire un nuovo dialogo con la politica e con le istituzioni affinché si lavori insieme per una governance del settore, che risponda ai fabbisogni di salute e colga la sfida di rinnovamento della Sanità”

Le questioni sul tavolo

Le questioni sul tavolo

Organizzazione del sistema, personale, formazione e medicina difensiva. Il presidente Siaarti, Antonino Giarratano, ci parla del presente e del futuro del Ssn

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Dalla carenza di medici alle aggressioni, dalla formazione all’utilizzo delle tecnologie fino al nuovo Codice deontologico. Di questo abbiamo parlato con Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Più prevenzione in tutte le direzioni

Più prevenzione in tutte le direzioni

Incontriamo un Francesco Perrone, che assume quest’anno la presidenza  dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), determinato e pragmatico. Con lui in questa lunga chiacchierata discutiamo di formazione, prevenzione e di un sistema sanitario perfettibile, sì, ma di cui dovremmo andare davvero molto fieri.

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’intelligenza artificiale. E lo fa coinvolgendo esperti di ambiti differenti per offrire sia una visione “sistematica” che per realizzare un approfondimento all’interno di specifiche specialità clinica già investite dai sistemi tecnologici intelligenti.

Anche lo Snami firma l’Acn 2019-2021

“Di fatto, a oggi restiamo profondamente contrari al ruolo unico e alle ripartizioni orarie che penalizzano i più giovani” afferma il presidente del sindacato Angelo Testa

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni