Denatalità, Vaccari (Fnopo): Necessario incrementare l’assistenza territoriale

Mag 16, 2024 | Voci

La Federazione evidenzia come alcuni esempi virtuosi dimostrano che una presenza più capillare e radicata sul territorio delle Ostetriche/i può migliorare i tassi di fertilità

Si fanno sempre meno figli e l’età media dei genitori alla nascita del primogenito continua ad avanzare. I dati del Report annuale dell’Istat, pubblicato ieri, confermano un scenario che si aggrava di anno in anno. La diminuzione delle nascite è legata a quella della fecondità: il numero medio di figli per ogni donna è diminuito da 1,24 nel 2022 a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico di 1,19 figli registrato nel 1995. Le Ostetriche/i, come professionisti sanitari esperti della salute della donna, potrebbero fornire utili strumenti per combattere la denatalità. Non solo aumentandone numericamente la presenza negli ospedali, ma anche nei presidi territoriali, dai Consultori, alle Case della Salute, fino all’assistenza domiciliare”. Ad assicurarlo è Silvia Vaccari, Presidente della Fnopo, la Federazione Nazionale della Professione Ostetrica. 

Che una presenza più capillare e radicata sul territorio delle Ostetriche/i possa migliorare i tassi di fertilità lo dimostrano alcuni esempi virtuosi. “All’interno del Parco Basaglia di Gorizia è stata di recente inaugurata la ‘Casa della Salute della Donna, dell’Infanzia e dell’Adolescenza’, un presidio di assistenza territoriale dove tra i principali obiettivi c’è proprio la promozione e la tutela della vita nascente. I primi mille giorni di vita di un essere umano sono un periodo di importanza strategica che pone le basi per lo sviluppo e la salute dell’intero arco della vita e prendersene cura è uno dei principali obiettivi delle Ostetriche/i che lavorano presso la Casa della Salute della Donna di Gorizia – racconta la Presidente della Fnopo – . Incentivare la nascita, su tutto il territorio nazionale, di altre strutture sanitarie simili potrebbe essere una prima ed efficace azione di contrasto alla denatalità”.

Qualunque sia la strada intrapresa va percorsa accanto alle Istituzioni ed ai decisori politici, ai quali la Fnopo assicura piena disponibilità di collaborazione, “nonostante – sottolinea la Presidente Vaccari – le Ostetriche/i siano state escluse da importanti iniziative. Ne è un esempio il Tavolo tecnico di approfondimento delle tematiche relative alla procreazione medicalmente assistita istituito il 13 gennaio 2023 presso l’Ufficio di Gabinetto del Ministero. Nonostante la comprovata competenza delle Ostetriche in questo ambito, la Fnopo non è stata mai convocata. Lo stesso è accaduto anche per il Tavolo tecnico sugli stili di vita, insediatosi lo scorso luglio: le Ostetriche non sono mai state invitate a partecipare”, assicura la Presidente Vaccari.

“Le Ostetriche/i seguono le donne lungo tutta la propria vita e ne conoscono non solo le condizioni di salute ma anche quelle sociali. Un Piano d’azione che intenda preservare la fertilità e combattere la denatalità, infatti non può prendere in considerazione solo gli aspetti sanitari, ma deve valutare anche quelli socio-economici. In Italia esiste ancora un enorme divario di genere, come testimoniato sempre dall’Istat che ha rilevato come tra i nuovi occupati l’88% siano uomini. Sostenere le donne nel lavoro, significa sostenere le famiglie, di cui le donne sono indiscutibile fulcro e, di riflesso, le nascite”, conclude la Presidente Vaccari.

GOVERNO 

Liste d’attesa, tra pro e contro

Liste d’attesa, tra pro e contro

Tra favorevoli e contrari si moltiplicano in queste ore i commenti ai documenti sulle liste d’attesa approvati ieri dal Consiglio dei Ministri. Tutti concordi sulla necessità di intervenire, ma non manca chi sottolinea il nodo risorse

Ok del Cdm alle norme per sbloccare le liste d’attesa

Ok del Cdm alle norme per sbloccare le liste d’attesa

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge e al disegno di legge che mira a garantire ai cittadini prestazioni nei tempi corretti da parte del Ssn. Abolito il tetto di spesa per l’assunzione di personale del Servizio sanitario nazionale

Un medico in ogni scuola, perché no?

Un medico in ogni scuola, perché no?

Da più parti si auspica il ritorno del medico (e dell’infermiere) scolastico, con compiti di sorveglianza e prevenzione. Il sottosegretario Gemmato: “sarebbe un valore aggiunto”. E gli infermieri rilanciano il loro ruolo nelle scuole all’interno della medicina di comunità

LE NOSTRE INTERVISTE 

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Con il presidente Simg, Alessandro Rossi, scattiamo un’istantanea della medicina generale declinandone criticità e prospettive. “Serve un cambio di passo per rendere efficace la medicina territoriale”

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni