Disabilità, il Ministro Locatelli partecipa ai lavori della Fnomceo

Apr 19, 2024 | Professioni

“La legge 227 del 21 ha già iniziato ad aprire una strada differente per la presa in carico della persona con disabilità” ha detto il ministro per le Disabilità ai lavori della Commissione che la Fnomceo, ha voluto istituire sulla materia

Passare dall’assistenzialismo all’inclusione e alla valorizzazione della persona nella sua interezza. È questo lo spirito della Legge delega in materia di disabilità (L.227/2021) e in particolare dell’ultimo decreto attuativo, approvato lo scorso 15 aprile in Consiglio dei Ministri, che definisce la condizione di disabilità, introduce l’accomodamento ragionevole, riforma le procedure di accertamento e la valutazione multidimensionale per l’elaborazione e l’attuazione del “Progetto di vita” individuale e personalizzato. A illustrare questa rivoluzione copernicana è stata ieri il Ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli, che ha partecipato ai lavori della Commissione che la Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, ha voluto istituire sulla materia.

“Ringrazio la federazione per l’accoglienza – ha affermato il Ministro al termine dei lavori, in un video per Fnomceo Tg Sanità – ma soprattutto per la collaborazione, perché questo sarà un cammino importante. La legge 227 del 21 ha già iniziato ad aprire una strada differente per la presa in carico della persona con disabilità. E oggi, con i decreti attuativi, soprattutto col decreto attuativo appena approvato che riguarda la valutazione di base, riguarda l’introduzione del progetto di vita, rivoluzioniamo davvero sui territori quello che rappresenta il percorso di valutazione della persona nella sua invalidità e poi anche nella disabilità. Naturalmente, il percorso coinvolge direttamente i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, tutti i medici ma anche altre categorie professionali. Ed è per questo che sono contenta di condividerlo, soprattutto in un percorso di formazione che inizierà a breve che vedrà protagoniste in particolare nove province in Italia, e che si dovrà evolvere e raggiungere in maniera capillare tutti i territori, tutte le categorie professionali, tutti gli enti che operano al servizio della persona con disabilità e che la prendono in carico nel suo percorso di vita. Soprattutto un grande coinvolgimento anche degli enti del terzo settore ci porterà a raggiungere anche le famiglie, perché spesso non sono consapevoli di quelli che sono i servizi e le opportunità”.

“Oggi l’intenzione è passare per l’inclusione – ha aggiunto – la valorizzazione della persona. E la valorizzazione della persona noi la vediamo in tutte le dimensioni di questo decreto, sia nella valutazione di base dove introduciamo gli elementi qualitativi quindi i questionari e la valutazione più legata alla funzionalità della persona stessa soprattutto nel progetto di vita, dove cerchiamo di ridurre le estreme frammentazioni tra il mondo sanitario, sociosanitario e sociale”. “Il monitoraggio in questo anno di sperimentazione – ha concluso il Ministro Locatelli – ci consentirà davvero di capire quali sono i punti di forza e magari invece i nodi da sciogliere. E credo che la Federazione, i medici, potranno dare un contributo davvero importante per lo sviluppo di questa nuova prospettiva in una direzione in cui la persona è davvero centrale”.

 Ringrazio il Ministro Alessandra Locatelli – ha commentato il Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli per la sua presenza oggi qui in federazione per presentare, insieme con il gruppo di lavoro che è stato costituito presso il Ministero, le nuove normative in termini di disabilità. Ho ringraziato il Ministro per l’intenso lavoro fatto in questi ultimi mesi che ha portato sempre di più ad una vera e propria revisione di tutte le modalità di accesso a quelli che sono i diritti ma anche le prestazioni previste dalle norme di legge per tutti i soggetti disabili. Ovviamente un tema molto sentito per l’attenzione peculiare che i medici hanno per i soggetti più fragili e quelli che sono più svantaggiati nella nostra società”.

“Per noi medici – ha concluso -il diritto alla salute è un diritto che è uguale per tutte le persone, come previsto dall’articolo 3 della nostra Costituzione ma anche dallo stesso articolo del Codice di Deontologia medica. Noi medici giuriamo di considerare tutte le persone uguali davanti alla salute e questo nostro impegno oggi lo abbiamo rinnovato alla presenza del Ministro Locatelli, assicurando la nostra disponibilità non soltanto nella cura e nell’assistenza ma anche nella formazione dei medici sui nuovi percorsi previsti dalla normativa vigente”.

NEWS 

TERRITORIO 

Lombardia, Simg: mancano i medici di famiglia

Lombardia, Simg: mancano i medici di famiglia

Il 25 maggio si apre il Congresso regionale Lombardia della Simg. “Occorre una nuova politica sanitaria, che favorisca la formazione, attragga i giovani alla professione e fornisca a ogni ambulatorio il personale infermieristico e amministrativo necessario”

LE NOSTRE INTERVISTE

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza”, commenta per noi l’impianto del primo decreto attuativo alla Legge 33. Sui tre interventi principali previsti dalla legge “troppa distanza”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni

PS-News

Ogni venerdì il riepilogo dei migliori articoli del mondo della sanità