Garante per le persone con disabilità: Vero punto di riferimento

Feb 12, 2024 | Governo e Parlamento

A partire dal primo gennaio 2025 entrerà in funzione la figura del Garante per le persone con disabilità (che in Italia, stando alle ultime rilevazioni Istat sono circa 3 milioni)

A stabilirlo è stato un recente decreto di Palazzo Chigi che, su proposta del ministro per le Disabilità, Alessandra Locatelli, da così concretezza a quel che sarà un vero punto di riferimento per molti cittadini. Abbiamo chiesto al Ministro per la disabilità, Alessandra Locatelli, di entrare nel merito di questo traguardo e di indicarci quali siano oggi i nuovi obiettivi da porci.

Il Nuovo Garante diverrà operativo dal 1 gennaio 2025. Ministro le chiedo anzitutto quale il ruolo e quale il cambio di passo che la sua istituzione rappresenta per il mondo della disabilità?

Ministro, si tratta certamente di un traguardo importante che si inserisce nello spirito di concretezza che ha caratterizzato tutto il lavoro portato avanti fin qui dal suo ministero. Quale il prossino obiettivo che si è posta?

Il Garante sarà un organo collegiale composto dal presidente e da due componenti scelti, si legge, tra persone con “comprovate professionalità, competenze o esperienze nel campo della tutela e della promozione dei diritti umani e in materia di contrasto delle forme di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità”. Dal primo gennaio 2026, l’ufficio del Garante potrà poi contare su una dotazione organica di due dirigenti e venti operatori.

TERRITORIO 

E ANCORA 

LE NOSTRE INTERVISTE

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Il neo eletto presidente di Confindustria Dispositivi Medici, Nicola Barni ha le idee chiare: “Vogliamo aprire un nuovo dialogo con la politica e con le istituzioni affinché si lavori insieme per una governance del settore, che risponda ai fabbisogni di salute e colga la sfida di rinnovamento della Sanità”

Le questioni sul tavolo

Le questioni sul tavolo

Organizzazione del sistema, personale, formazione e medicina difensiva. Il presidente Siaarti, Antonino Giarratano, ci parla del presente e del futuro del Ssn

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Dalla carenza di medici alle aggressioni, dalla formazione all’utilizzo delle tecnologie fino al nuovo Codice deontologico. Di questo abbiamo parlato con Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Più prevenzione in tutte le direzioni

Più prevenzione in tutte le direzioni

Incontriamo un Francesco Perrone, che assume quest’anno la presidenza  dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), determinato e pragmatico. Con lui in questa lunga chiacchierata discutiamo di formazione, prevenzione e di un sistema sanitario perfettibile, sì, ma di cui dovremmo andare davvero molto fieri.

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’intelligenza artificiale. E lo fa coinvolgendo esperti di ambiti differenti per offrire sia una visione “sistematica” che per realizzare un approfondimento all’interno di specifiche specialità clinica già investite dai sistemi tecnologici intelligenti.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Anche lo Snami firma l’Acn 2019-2021

“Di fatto, a oggi restiamo profondamente contrari al ruolo unico e alle ripartizioni orarie che penalizzano i più giovani” afferma il presidente del sindacato Angelo Testa

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni