Giuseppe Curigliano eletto Presidente degli oncologi europei Esmo

Giu 12, 2024 | HOME - Ottovolante, Ottovolante

È Direttore della Divisione Sviluppo di nuovi farmaci all’Istituto Europeo di Oncologia e Professore Ordinario di Oncologia all’Università di Milano. Guiderà la Società Scientifica nel 2027-2028

Giuseppe Curigliano è stato eletto Presidente dell’European Society for Medical Oncology (Esmo). Nel biennio 2027-28 sarà alla guida della più importante Società Scientifica europea di oncologia. Curigliano è Professore Ordinario di Oncologia Medica all’Università degli Studi di Milano e Direttore della Divisione Sviluppo di nuovi farmaci all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dopo una lunga carriera tra Italia e Stati Uniti ha avuto ruolo importanti all’interno di Esmo ed è anche Consigliere Nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) dal 2021.

“Esprimiamo grande soddisfazione per il successo ottenuto da Giuseppe Curigliano – sottolinea Gianluca Gaetano Vago, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Emato-Oncologia dell’Università di Milano -. La sua professionalità ed esperienza internazionale saranno fondamentali per svolgere un ruolo così importante e prestigioso. Milano è da molti anni una delle “Capitali” dell’oncologia, sia a livello nazionale che europeo, anche grazie al prezioso lavoro della “Statale”. L’elezione del Prof. Curigliano segue di poche settimane quella della Prof.ssa Barbara Jereczek alla presidenza della European Society for Radiotherapy and Oncology (Estro). Viene confermata la bontà della scelta di aggregare nel Dipartimento di Oncologia ed Emato-oncologia alcuni tra i migliori ricercatori e clinici italiani. Continueremo, con ancora più convinzione, nel lavoro di ricerca, di cura e di formazione dei nostri giovani studenti in questo settore così importante della medicina. Ancora i migliori auguri al Prof. Curigliano per questo importante riconoscimento”.
 

“Esmo dovrebbe avere un ruolo trainante nel decodificare le complessità del cancro, per prevenire e curare questa malattia attraverso la scienza e la formazione, trasformando i risultati su pazienti e ex- pazienti al di là dei confini geografici”, ha dichiarato Curigliano. “Come Presidente di Esmo, la mia missione sarà quella di superare le attuali sfide riguardanti l’integrazione tra le diverse discipline oncologiche, grazie a un piano a tutto tondo incentrato sulla formazione e sull’inclusività, finalizzato a un progresso globale nella cura del cancro.”

Curigliano vuole istituire, all’interno di Esmo, un hub dedicato al potenziamento delle opportunità e delle prospettive di carriera per i giovani oncologi. “Vogliamo promuovere un cambio di rotta, attraverso la creazione di una piattaforma dedicata interna a Esmo, che sia in grado di coinvolgere varie parti interessate, dal mondo universitario a quello dell’industria”, ha aggiunto Curigliano. “Questo approccio trasformativo creerebbe opportunità concrete, garantendo le stesse possibilità a oncologi di talento provenienti da tutto il mondo. Sarebbe uno strumento fidato per favorire l’avanzamento di carriera dei giovani oncologi, sostenendoli anche attraverso un percorso di mentoring”.

Curigliano potenzierà anche gli sforzi strategici di Esmo per raggiungere risultati concreti, promuovendo il progresso della ricerca e della prevenzione in campo oncologico a livello mondiale e coordinando l’impegno di Esmo nel controllo globale del cancro. “Mi impegno fortemente a promuovere una cultura improntata alla formazione continua e allo sviluppo professionale, in modo che gli oncologi di tutto il mondo possano avere accesso alle conoscenze e alle risorse più recenti.” Curigliano ritiene infatti che Esmo dovrebbe continuare a investire nella creazione di una comunità globale di oncologi impegnati a fare la differenza nelle vite dei pazienti colpiti dal cancro e delle loro famiglie.

Curigliano fa parte di Esmo ormai da molti anni. Ha guidato l’Esmo Nomination Committee (2018-2021) e poi l’Esmo Clinical Practice Guidelines Committee (2020-2023). È stato co-direttore scientifico dell’Esmo Breast Cancer Congress (congresso di Esmo sul cancro al seno), nonché uno dei suoi ideatori. Ha contribuito al lancio delle “Living Guidelines” di Esmo e del programma Fellow of Esmo (Fesmo ). Ha organizzato e partecipato a diversi programmi formativi e professionali per oncologi in tutto il mondo. Attualmente è caporedattore di Esmo Open.

Nel corso della sua carriera, Curigliano ha partecipato a numerosi studi clinici sul cancro al seno, soprattutto sui nuovi farmaci mirati e le strategie di trattamento personalizzate, firmando oltre 670 articoli peer-reviewed, oltre a numerosi capitoli di libri.

“In futuro è essenziale che Esmo continui a portare avanti la propria missione di promozione dell’eccellenza nel campo dell’oncologia medica, così da garantire cure di alto livello per i malati di cancro di tutto il mondo. Continuerò con dedizione e perseveranza a favorire la collaborazione tra gli esperti di tutte le discipline oncologiche, a sostenere le pratiche basate sull’evidenza, e a promuovere approcci innovativi alla ricerca e alla cura del cancro”

In quanto Presidente in pectore per il biennio 2025-2026, Curigliano entrerà a far parte del Comitato esecutivo di Esmo a partire dal 1 gennaio 2025. Esmo è l’associazione professionale che rappresenta gli oncologi medici con oltre 350.000 soci in 172 Paesi in tutto il mondo e Curigliano è il suo quarto presidente italiano in quasi 50 anni di storia.

Potrebbe interessarti anche:

Dal laboratorio allo sviluppo clinico

La presidente Aigom, Stefania Gori: Curigliano non è solo uno straordinario ricercatore, ma anche un grande sostenitore della assistenza oncologica multidisciplinare

Dal congresso Oeci (Organisation of European Cancer Institutes) in corso ad Helsinki, dove si trova in questo momento, la presidente Aigom, Stefania Gori, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “L’elezione del prof. Giuseppe Curigliano alla prossima presidenza degli oncologi europei di Esmo (European Society for Medical Oncology) è la dimostrazione che la qualità  della ricerca e dell’assistenza oncologica italiana è e resta ad altissimi livelli. Il prof. Curigliano non è solo uno straordinario ricercatore, ma anche un grande sostenitore della assistenza oncologica multidisciplinare, che Aigom oggi rappresenta in Italia”.
 

TERRITORIO 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

E ANCORA 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto una delegazione Ail in occasione della Giornata nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma e per celebrare i 55 anni di attività dell’Associazione 

enterprice

ENTERPRISE

AziendePersone&Mercato

Diversità, equità e inclusione

Diversità, equità e inclusione

Sanofi consolida il suo impegno con un’ulteriore certificazione che conferma i risultati dell’azienda in termini di uguaglianza di genere

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni