In Aifa il Premio Nobel per la medicina Thomas Südhof

Giu 12, 2024 | News

La Lectio magistralis sull’innovazione farmaceutica in un evento fortemente voluto dal Presidente Aifa Robert Giovanni Nisticò

Il Premio Nobel per la medicina Thomas Südhof ha tenuto, nella sede dell’Agenzia, una Lectio magistralis sull’innovazione farmaceutica dal titolo “Advances in Biotechnology: Innovations Driving Drug Discovery in Brain Disorders”. La lectio magistralis ha rappresentato un’importante occasione di confronto e aggiornamento su un tema scientifico di grande attualità. L’evento, fortemente voluto dal Presidente Aifa Robert Giovanni Nisticò, ha visto un’ampia partecipazione da parte del personale dell’Agenzia, rappresentando così un momento di confronto fertile e dinamico.
“Le grandi sfide del secolo attuale – ha dichiarato il biologo tedesco, insignito del Premio Nobel per la medicina nel 2013 grazie agli studi sulla trasmissione sinaptica – sono quelle per prevenire e curare malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, anche grazie a un corretto utilizzo della trasformazione digitale nella ricerca biomedica”.
“Noi siamo un’agenzia che regola i farmaci ma non dobbiamo dimenticare il contesto scientifico all’interno del quale nascono i medicinali – ha affermato il Presidente Nisticò occorre essere al passo coi tempi e prendere consapevolezza che le scoperte scientifiche di oggi saranno le valutazioni regolatorie di domani”.
 

OPINIONI E PUNTI DI VISTA 

TERRITORIO 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

E ANCORA 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
enterprice

ENTERPRISE

AziendePersone&Mercato

Diversità, equità e inclusione

Diversità, equità e inclusione

Sanofi consolida il suo impegno con un’ulteriore certificazione che conferma i risultati dell’azienda in termini di uguaglianza di genere

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni