Innovazione: l’Europa in costante miglioramento, ma a velocità diverse da uno Stato membro all’altro

Lug 9, 2024 | Innovazione, Tecnologie

Secondo l’edizione 2024 del quadro europeo di valutazione dell’innovazione (Eis) la Danimarca rimane il paese più innovativo dell’Ue seguito dalla Svezia

I risultati in materia di innovazione dell’Unione europea continuano a migliorare a un ritmo costante, raggiungendo un aumento del 10 % dal 2017 e una crescita del 0,5 % tra il 2023 e il 2024. Secondo l’edizione 2024 del quadro europeo di valutazione dell’innovazione (Eis) pubblicata ieri dalla Commissione europea, la maggior parte degli Stati membri dell’Ue ha migliorato i propri risultati in materia di innovazione, ma l’aumento varia notevolmente da uno all’altro.

Principali risultati

Tra il 2023 e il 2024 i risultati nazionali in materia di innovazione sono aumentati per 15 Stati membri, mentre sono diminuiti per un altro gruppo di 11. La Croazia è rimasta stabile. Rispetto all’ultima edizione:

  • La Danimarca rimane il paese più innovativo dell’Ue seguito dalla Svezia, che ha guidato le classifiche tra il 2017 e il 2022.
  • Due paesi appartengono ora a un gruppo di prestazioni diverso. L’Estonia è diventata un innovatore forte, seguendo un modello di crescita costante dal 2017. Il Belgio, leader dell’innovazione nel 2023, è passato alla categoria degli innovatori forti, pur mantenendo la sua quinta posizione nella classifica generale.

Un’analisi più ampia, che coinvolga altri paesi europei e concorrenti selezionati a livello mondiale, mostra un panorama internazionale in evoluzione. La Svizzera è il paese europeo più innovativo e la Corea del Sud rimane il concorrente mondiale più innovativo nel 2024, mentre la Cina ha superato il Giappone e sta progressivamente colmando il divario con l’Ue.

Nel contesto globale, l’Ue mantiene una posizione solida, dimostrando buoni risultati nella maggior parte degli indicatori, comprese le Pmi che introducono innovazioni di prodotto e di processo e tecnologie ambientali. L’Ue deve ancora affrontare sfide rispetto ai suoi principali concorrenti a livello mondiale in settori quali il patrimonio intellettuale, la collaborazione tra le Pmi innovative e la spesa per R &S;

Grafico 3: Risultati in termini di innovazione rispetto all’UE-2017 tra i 27 Stati membri dell’UE — confronto con il 2023.

I leader dell’innovazione hanno sistemi di ricerca particolarmente attraenti e sono forti nella digitalizzazione. Gli innovatori forti dimostrano punti di forza significativi nei loro ecosistemi di innovazione (innovazione dei prodotti e delle imprese). Tra gli innovatori moderati vi è una serie di tendenze positive, in particolare lo sviluppo della collaborazione nel campo della ricerca; considerando che gli innovatori emergenti hanno mostrato una traiettoria complessivamente positiva per quanto riguarda i risultati in materia di innovazione, ma sono ancora in ritardo;

Sebbene le differenze di rendimento si siano leggermente ridotte tra gli innovatori forti e gli innovatori moderati tra il 2017 e il 2024, esse sono diventate più pronunciate tra i leader dell’innovazione e gli innovatori emergenti. Persistono inoltre differenze geografiche nei risultati in materia di innovazione: i leader dell’innovazione e la maggior parte degli innovatori forti si trovano prevalentemente nell’Europa settentrionale e occidentale e molti degli innovatori moderati ed emergenti dell’Europa meridionale e orientale.

STUDI/RICERCHE 

Lea, 8 Regioni sotto la sufficienza

Lea, 8 Regioni sotto la sufficienza

Pubblicata la Relazione 2022 sul Monitoraggio dei Livelli essenziali di assistenza attraverso il Nuovo Sistema di Garanzia del ministero della Salute

FARMACI 

E ANCORA

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

enterprice

ENTERPRISE

AziendePersone&Mercato

Diversità, equità e inclusione

Diversità, equità e inclusione

Sanofi consolida il suo impegno con un’ulteriore certificazione che conferma i risultati dell’azienda in termini di uguaglianza di genere

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni