Intelligenza artificiale: Tante potenzialità ma non sostituirà i medici

Mag 8, 2024 | Innovazione, Tecnologie

Confronto in un convegno al Senato con l’obiettivo individuare, nell’ambito della sanità e della ricerca, l’adeguato equilibrio nell’uso dell’intelligenza artificiale, con attenzione al corretto trattamento dei dati personali

L’intelligenza artificiale può aprire scenari incredibilmente positivi per diversi settori della società, ma soltanto se utilizzata nel modo giusto. E il modo giusto prevede che non si eclissi il valore umano: è l’essere umano che è investito del ruolo di governare questa nuova tecnologia. Questo il messaggio emerso dal convegno “A.I. Attenzione all’innovazione: sanità e ricerca, tra neo-tecnologie e dati personali”, che si è svolto questo pomeriggio nella sala Capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva, su iniziativa del senatore Antonio Guidi. L’iniziativa si è pregiata del patrocinio del Senato della Repubblica ed è stata organizzata in collaborazione con l’associazione Scudomed.

L’evento si è posto come obiettivo individuare, nell’ambito della sanità e della ricerca, l’adeguato equilibrio nell’uso dell’intelligenza artificiale, con attenzione al corretto trattamento dei dati personali. Diversi i temi sviluppati sul tema, dalle potenzialità nel mondo sanitario, alla necessità di garanzie per i dati personali, fino alla necessità di regolamenti aggiornati di livello internazionale.

I relatori: dalle istituzioni nazionali ai principali tecnici – In sede di saluti istituzionali, ha aderito Rocco Bellantone, presidente Iss. Con la moderazione dell’avvocato Massimiliano Parla, presidente di Scudomed, sono intervenuti Andrea Piccoli, direttore generale Iss, l’avvocato Sarah Masato, responsabile area legale Scudomed, Silvia Melchionna, funzionario area direttiva Garante per la protezione dei dati personali, Stefano Lorusso, direttore generale della Digitalizzazione, del Sistema informativo sanitario e della Statistica del ministero della Salute, l’ammiraglio Andrea Billet, capo del servizio Certificazione e Vigilanza dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale e Elettra Carini dell’Unità di progetto di Telemedicina di Agenas.

In apertura è stato letto l’intervento del sottosegretario di Stato alla Salute Marcello Gemmato, impossibilitato ad essere presente: “La disponibilità di dati sanitari è una leva fondamentale per poter orientare al meglio le scelte politiche e la programmazione: pensiamo, ad esempio, alle potenzialità del Fascicolo sanitario elettronico, uno strumento prezioso per i cittadini e per i professionisti sanitari. O ancora, alle innumerevoli possibilità e applicazioni dell’Intelligenza artificiale che può aiutare i medici a fare diagnosi sempre più precise. Voglio però ribadire un concetto fondamentale: le tecnologie e l’intelligenza artificiale in particolare devono essere governate in modo appropriato, integrandosi nel flusso di lavoro dei professionisti sanitari ma senza mai sostituire il rapporto tra medico e paziente. La sfida cui siamo chiamati è quella di coniugare innovazione e umanità”

Si è dato inizio ai lavori con il senatore Antonio Guidi (FdI), già ministro alla Famiglia e oggi membro della commissione Affari sociali e sanità: “L’intelligenza artificiale può offrire scenari molto vantaggiosi, ma deve essere usata nel modo giusto. Soltanto in questo modo può aumentare le chance positive di una sua applicazione nella società. Da questo punto di vista, non deve mai venir meno l’elemento umano – precisa il neuropsichiatra – il vero rischio infatti è quello di collassarsi con se stessi, mentre il valore positivo che l’AI può apportare è incredibilmente ampio”.

Rocco Bellantone, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha affermato: “Il mondo della sanità sta avendo e potrà avere sviluppi straordinari per quello che riguarda la computazione di dati e l’analisi di scenari. Detto questo, è fondamentale tenere fermo il ruolo del medico, l’intuizione e il calore umano del dottore, il cui valore non potrà mai essere sostituito dalla tecnologia”.

Secondo Andrea Piccioli, direttore generale dell’Istituto Superiore di Sanità, ha dichiarato: “Nel mondo sanitario l’intelligenza artificiale oggi può offrire vantaggi enormi: penso per esempio alla velocità con cui potranno essere analizzate le cartelle cliniche e verificati dati in questo senso. Un lavoro che senza le ultime tecnologie sarebbero stati molto più dispendiosi in termini di tempo”.

“È necessario – ha detto Stefano Lorusso, direttore generale della Digitalizzazione, del Sistema informativo sanitario e della Statistica del ministero della Salute ha affermato – un approccio programmatorio secondo una logica by design e inclusiva degli attori, nonché porre attenzione al dato nella sua triplice dimensione: qualità, tempestività e completezza. L’Unione europea e l’Italia, capendo l’importanza della sfida, hanno approcciato in termini propositivi provando a regolare lo sviluppo e l’introduzione di sistemi di IA. Infatti, un approccio eccessivamente burocratico e conservativo rischierebbe di limitarne le possibilità e lo sviluppo, che avverrà a prescindere. Allo stesso tempo, uno sviluppo incontrollato e non governato causerebbe rischi sul piano della violazione della privacy”.

Silvia Melchionna, funzionario area direttiva per il Garante per la protezione dei dati personali, è così intervenuta: “Gli studi sull’intelligenza artificiale rilanciano il tema della protezione dei dati personali, emerso con forza anche con lo sviluppo delle tecnologie web. Oggi diventa fondamentale concepire la tutela della privacy non come un ostacolo alla questione, ma come un elemento di crescita ulteriore della tecnologia”. L’ammiraglio Andrea Billet, capo del servizio Certificazione e Vigilanza dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale ha spiegato: “La prima domanda da porsi è perché dobbiamo applicare queste tecnologie. Un tema fondamentale da questo punto di vista è portare la sanità al cittadino: per questo l’obiettivo è creare un ecosistema sanitario sicuro per erogare prestazioni sempre più efficaci tramite le nuove tecnologie”.

Ha chiuso i lavori Elettra Carini dell’Unità di progetto di Telemedicina di Agenas che ha affermato: “La telemedicina può sfruttare al meglio le funzionalità della AI. Noi ci stiamo occupando in particolare degli sviluppi previsti dal Pnrr nel settore dell’assistenza primaria e della medicina territoriale. Nuovi servizi rivolti ai medici ma anche ai pazienti e ai caregiver, in particolare per il supporto e la prevenzione”.

STUDI/RICERCHE 

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Resi noti i risultati del “Progetto Bussola” realizzato da N.I.San che permette ogni anno di calcolare i costi di riferimento (standard) dei ricoveri ospedalieri di ogni DRG.

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

L’Hiv a livello globale, le epidemie di epatite virale e le infezioni a trasmissione sessuale (Ist) continuano a rappresentare sfide significative per la salute pubblica, causando 2,5 milioni di morti ogni anno, secondo un nuovo rapporto dell’Oms

Il Long Covid raddoppia il rischio di ricovero

Il Long Covid raddoppia il rischio di ricovero

4700 morti per questa condizione. “È importante incrementare le conoscenze e uniformare l’approccio al trattamento del Long-Covid” afferma Onder, coordinatore del progetto Analisi e strategie di risposta agli effetti a lungo termine dell’infezione Covid -19 

FARMACI 

Terapie avanzate: entro il 2030 fino a 60 nuovi farmaci

Terapie avanzate: entro il 2030 fino a 60 nuovi farmaci

Ma per assicurare equità e sostenibilità servono nuovi modelli di accesso. Se ne è discusso oggi ad un convegno organizzato da Iss e Assobiotec-Federchimica. Più di 1.900 studi clinici nel mondo, di cui 112 in fase 3. Ruolo chiave per l’Italia

Adhd: i farmaci riducono del 40% i comportamenti a rischio

Adhd: i farmaci riducono del 40% i comportamenti a rischio

Al via oggi a Cagliari la terza edizione convegno di Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf) e Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia). “Aderenza a cure fondamentale per controllare l’impulsività”

E ANCORA

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Collaborazione Gruppo Chiesi e il Karolinska Institutet con l’obiettivo di contribuire al progresso scientifico e migliorare il percorso di cura dei pazienti attraverso una cooperazione in termini di ricerca, sviluppo e innovazione

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni