La prevenzione vaccinale come strumento di sostenibilità del Ssn

Mag 15, 2024 | Farmaci

Esperti a confronto per una strategia in quattro step, punti individuati come irrinunciabili nella messa a punto di una efficace strategia vaccinale

È ormai indispensabile  adottare un modello integrale e sinergico in grado di far fronte alle esigenze di salute in termini di prevenzione, che rappresenta uno degli strumenti atti a garantire la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale, in un momento storico in cui le infezioni respiratorie in primis, ma non solo, rappresentano una sfida per l’intero sistema salute. Da questa considerazione è nato lo spunto dell’incontro ristretto svoltosi ieri al Senato, su iniziativa del Senatore Guido Quintino Liris, membro della quinta commissione permanente Bilancio e medico epidemiologo, per parlare di “Prevenzione vaccinale: un investimento per la sostenibilità del Ssn” alla presenza di Americo Cicchetti, Direttore Generale Programmazione, Ministero della Salute, Francesco Vaia, Direttore Generale della Prevenzione Sanitaria, Ministero della Salute e Silvestro Scotti, Segretario Generale Fimmg. 

Quattro sono i punti individuati come irrinunciabili nella messa a punto di una efficace strategia vaccinale:

  • Tempestività nell’attuazione e pianificazione delle campagne vaccinali;
  • Utilizzo dell’intelligenza artificiale quale strumento in grado di ottimizzare la progettazione di vaccini e terapie, permettendo una personalizzazione delle soluzioni in base alle caratteristiche individuali dei pazienti o delle varianti virali. Altrettanto importante è concentrarsi sulla semplificazione del calendario vaccinale
  • Ottimizzazione dell’organizzazione logistica e del setting degli interventi grazie anche alle sinergie di tutti gli attori coinvolti ed all’’introduzione di vaccini “ready-to-use e vaccini combinati, semplifica ulteriormente il modello organizzativo massimizzando l’efficacia delle campagne preventive.
  • La Corretta informazione sull’innovazione, rappresentata da nuove tecnologie vaccinali in grado anche di garantire una semplificazione d’uso, è fondamentale per contrastare il diffondersi della disinformazione e per promuovere la consapevolezza sull’importanza delle pratiche preventive.

Questi quattro punti possono contribuire concretamente alla sostenibilità del Ssn come sottolineato da   Amerigo Cicchetti, Direttore Generale Programmazione, Ministero della Salute :Anche in tema di vaccini è importante avere metodologie come l’Hta per comprendere il “valore” delle innovazioni anche in campo vaccinale. Vaccini efficaci e sicuri hanno un effetto importantissimo per il mantenimento della salute a cui si aggiunge un profilo di costo-efficacia particolarmente vantaggioso. Inseriti in adeguati programmi di profilassi, possono generare addirittura dei risparmi in altri comparti della spesa sanitaria, come quello dei ricoveri o dei farmaci. Le evidenze in ambito farmaco-economico mostrano che molto spesso i programmi di prevenzione vaccinale portano a ridurre la spesa complessiva del servizio sanitario contribuendo alla sua sostenibilità”.

Anche la prevenzione, insieme ad un modello organizzativo efficace e puntuale, gioca un ruolo strategico nella realizzazione di un piano vaccinale che tenga conto dei criteri di equità e di armonizzazione regionale. “La Prevenzione può davvero essere protagonista del cambiamento, anzitutto culturale, di cui abbiamo bisogno per affrontare le sfide del nostro tempo, come quella della sostenibilità del Servizio Sanitario Italiano” – ha dichiarato oggi Francesco Vaia, il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute- può essere lo strumento principe per governare correttamente la domanda di salute e fare in modo che essa sia sempre più appropriata. La spesa in prevenzione – ha concluso – è allora un investimento per il Paese e per la sostenibilità del sistema.”

Un altro ruolo chiave lo gioca l’organizzazione della logistica e il setting degli interventi preventivi che tengano conto delle difficoltà legate alla necessità di un efficientamento dei modelli organizzativi, evitando “sprechi”. Altrettanto importante è sostenere gli operatori sanitari anche fornendo loro strumenti idonei e facili da usare come ad esempio la necessità di vaccini monodose così nel Covid come nell’influenza. “La medicina generale può essere la vera arma contro la esitazione vaccinale, ma questa può esplicitare il massimo della sua potenzialità solo in presenza di un investimento logistico-organizzativo coerente con il suo setting” – commenta Silvestro Scotti, Segretario Generale della Fimmg- “servono infatti varie cose: distribuzione dei vaccini coordinata con i Mmg per efficacia ed efficienza che permetta una vera chiamata dei pazienti,  con la certezza della consegna delle dosi utile alle agende create; vaccino in monodose; supporto di personale amministrativo e sanitario; coordinamento preventivo all’inizio delle campagne tra le offerte vaccinali dei vari attori, soprattutto coerenza tra offerta centralizzata e periferica; strategie vaccinali che investano su una calendarizzazione annuale della vaccinazione dell’adulto fragile e non concentrazione di tutte le vaccinazioni  nel solo periodo delle virosi stagionali. Infine, una comunicazione che ponga la popolazione nella condizione di interrogarsi sulla grande variazione di approccio che abbiamo nelle vaccinazioni, dove tutti siamo convinti che la vaccinazione del bambino nel primo anno di vita lo protegga mentre poi diventando anziani sembra che questo presidio perda quel valore di protezione e addirittura possa essere considerato nocivo.”

In sintesi a tutto quanto sopra e come dichiara il Senatore  Guido Quintino LirisMembro della V commissione permanente Bilancio –   “La vaccinazione è uno degli strumenti più efficaci dell’ambito delle strategie di Prevenzione in Sanità. Combinando tempestività, facilità di accesso, corretta informazione e innovazione scientifica è possibile ottimizzare l’efficacia delle strategie di prevenzione, proteggendo la salute dei cittadini e riducendo i costi associati alla gestione di tali malattie sul Ssn”.

STUDI/RICERCHE 

Sanità digitale: manca ancora la spinta del Pnrr

Sanità digitale: manca ancora la spinta del Pnrr

Nell’ultimo anno il 35% dei medici specialisti e il 48% dei Mmg hanno fatto accesso al Fse. Il 52% dei pazienti pensa che l’AI porterà più benefici che rischi. La spesa per la sanità digitale cresce a 2,2 miliardi di euro, +22%. Gran parte delle risorse del Pnrr deve ancora essere messa a terra

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Resi noti i risultati del “Progetto Bussola” realizzato da N.I.San che permette ogni anno di calcolare i costi di riferimento (standard) dei ricoveri ospedalieri di ogni DRG.

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

L’Hiv a livello globale, le epidemie di epatite virale e le infezioni a trasmissione sessuale (Ist) continuano a rappresentare sfide significative per la salute pubblica, causando 2,5 milioni di morti ogni anno, secondo un nuovo rapporto dell’Oms

TECNOLOGIE 

Davanti a noi sfide complesse

Davanti a noi sfide complesse

Con Giorgio Metta, direttore scientifico dell’Istituto italiano di Tecnologia (Iit) ragioniamo di innovazione, nuove tecnologie e Intelligenza Artificiale per saggiarne l’impatto sul prossimo futuro e valutare lo stato di salute della ricerca nel nostro Paese

E ANCORA

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Collaborazione Gruppo Chiesi e il Karolinska Institutet con l’obiettivo di contribuire al progresso scientifico e migliorare il percorso di cura dei pazienti attraverso una cooperazione in termini di ricerca, sviluppo e innovazione

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni