L’Aou Sant’Andrea scala la classifica di Newsweek

Mar 1, 2024 | Le nostre interviste

Una grande soddisfazione che sarà sprone a fare ancora meglio. Questo lo spirito con cui Daniela Donetti, direttore generale dell’Azienda ospedaliero-Universitaria Sant’Andrea commenta il 13emimo posto raggiunto nella classifica dei migliori ospedali del mondo

L’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea è uno dei migliori ospedali al mondo. A sancirlo è la prestigiosa classifica internazionale stilata dalla rivista Newsweek, che inserisce la struttura al 13° posto in Italia e al 211° nel ranking mondiale, consegnandole il podio di prima struttura pubblica del Lazio, (preceduta solo dal Policlinico Gemelli).

Evidentemente soddisfatti i vertici della struttura che abbiamo raggiunto telefonicamente.

Dottoressa Donetti (direttore generale), nella narrazione nella quale si parla sempre di (cattiva) sanità fa piacere riscontrare invece un successo come questo. Il riconoscimento di una eccellenza, italiana. Immagino la soddisfazione.
Una grandissima soddisfazione anche perché stiamo scalando questa classifica con grande orgoglio. Dobbiamo dire ‘grazie’ a tutti i professionisti che assieme a noi hanno concorso a centrare questo risultato e gli obiettivi dell’Azienda ospedaliero-Universitaria Sant’Andrea.

Quali gli elementi di valore che hanno concorso maggiormente a questo risultato?
Sicuramente la capacità di lavorare in team multiprofessionali composti da grandi professionisti e dal fato che stiamo investendo tanto in questa realtà. Voglio citare in particolare due progetti molto importanti che sono il ‘Centro cuore’ e il ‘Centro onco-ematologico’ per il quale abbiamo avuto anche importanti investimenti dalla Regione Lazio. E’ un momento di forte attività e lo sarà anche in futuro.

È proverbiale: chi si ferma è perduto. Quale il prossimo obiettivo che si è/vi siete posti?
Unire quella che è una riorganizzazione dei servizi di qualità e un investimento culturale.Oltre al Centro cuore e al centro onco-ematologico, i prossimi investimenti saranno anche volti a proseguire il lavoro di implementazione e innovazione della dotazione tecnologica e per il centro di medicina di precisione.

OPINIONI E PUNTI DI VISTA 

TERRITORIO 

Stabile la soddisfazione per la salute

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

La salute mentale dei medici è in declino

La salute mentale dei medici è in declino

Secondo una nuova ricerca di Sony Healthcare Europe, i professionisti del settore medico in tutta Europa stanno sperimentando problemi di salute mentale pari a quelli riscontrati nel 2021, quando i professionisti erano nel pieno delle conseguenze della pandemia

Digital Health: una partnership strategica

Digital Health: una partnership strategica

Collaborazione tra Gemelli Digital Medicine & Health (Gdmh) e Zest Group che punta ad accelerare lo sviluppo di soluzioni innovative nel campo della medicina e della sanità digitale a servizio della ricerca, delle corporate, delle istituzioni, delle startup e di tutti gli stakeholder del settore Life Science & Healthcare

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni