L’età media nell’Ue è aumentata di 2,3 anni dal 2013

Feb 19, 2024 | News

L’età media in Portogallo è aumentata di 4,4 anni, il valore più alto tra i paesi dell’Ue. Seguono Grecia, Spagna, Slovacchia e Italia, registrando un aumento di 4,0 anni

Il 1° gennaio 2023, l’età media della popolazione dell’Ue ha raggiunto i 44,5 anni. Ciò significa che metà della popolazione dell’Ue aveva più di 44,5 anni, mentre l’altra metà era più giovane. L’età media della popolazione dell’Ue è aumentata di 2,3 anni rispetto al 2013, quando era di 42,2 anni. Questa informazione proviene dai dati sulla struttura e sull’invecchiamento della popolazione pubblicati da Eurostat. L’articolo presenta una serie di risultati tratti dall’articolo più dettagliato Statistics Explained.

Al 1° gennaio 2023, tra i membri dell’Ue, l’età media variava tra 38,4 anni a Cipro e 48,4 anni in Italia. Tra il 2013 e il 2023, l’età media è aumentata in tutti i membri dell’Ue, ad eccezione di Malta e Svezia, dove è diminuita (rispettivamente -0,4 e -0,1 anni), e in Germania, dove l’età media è rimasta invariata. In cinque paesi dell’Ue, l’età media della popolazione è aumentata di 4 anni o più. L’età media in Portogallo è aumentata di 4,4 anni, il valore più alto tra i paesi dell’Ue. Seguono Grecia, Spagna, Slovacchia e Italia, registrando un aumento di 4,0 anni.

L’indice di dipendenza degli anziani ha raggiunto il 33,4% nel 2023

L’indice di dipendenza degli anziani dell’Ue, definito come il rapporto tra il numero di anziani (di età pari o superiore a 65 anni) rispetto al numero di persone in età lavorativa (15-64 anni), era pari al 33,4% al 1° gennaio 2023. l’indicatore è aumentato di 5,7 punti percentuali (pp) dal 1° gennaio 2013 quando era al 27,7%.

I rapporti più alti sono stati registrati in Portogallo (38,0%), Italia e Finlandia (entrambi 37,8%). I rapporti più bassi si sono verificati in Lussemburgo (21,5%), Irlanda (23,2%) e Cipro (24,7%). Rispetto al 2013, gli aumenti maggiori si sono verificati in Polonia (+10,4 pp), Bulgaria (+9,2 pp) e Croazia (+9,0 pp). I più bassi in Lussemburgo (+1,3 pp), Malta (+2,0 pp) e Austria (+2,8 pp).

 

OPINIONI E PUNTI DI VISTA 

TERRITORIO 

Stabile la soddisfazione per la salute

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

La salute mentale dei medici è in declino

La salute mentale dei medici è in declino

Secondo una nuova ricerca di Sony Healthcare Europe, i professionisti del settore medico in tutta Europa stanno sperimentando problemi di salute mentale pari a quelli riscontrati nel 2021, quando i professionisti erano nel pieno delle conseguenze della pandemia

Digital Health: una partnership strategica

Digital Health: una partnership strategica

Collaborazione tra Gemelli Digital Medicine & Health (Gdmh) e Zest Group che punta ad accelerare lo sviluppo di soluzioni innovative nel campo della medicina e della sanità digitale a servizio della ricerca, delle corporate, delle istituzioni, delle startup e di tutti gli stakeholder del settore Life Science & Healthcare

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni