Liguria: azioni per incrementare le vaccinazioni contro il morbillo

Apr 2, 2024 | Territorio

Nelle ultime settimane si sono registrati casi di morbillo che hanno fatto scattare l’attenzione del sistema sanitario regionale

Le infezioni da virus del morbillo confermate a Genova presso il Laboratorio di Riferimento Regionale per le Emergenze di Sanità Pubblica (LaResp), Irccs Ospedale Policlinico San Martino, sono cinque. Un sesto caso, in attesa di conferma del laboratorio, è stato segnalato nel territorio della Asl1. È quanto comunica la Regione Liguria che precisa, che si tratta di quattro maschi e una femmina di età compresa tra i 30 e i 50 anni, tre di nazionalità italiana e due stranieri. Il caso segnalato nell’imperiese è quello di un bambino di otto anni. Uno dei pazienti è rientrato con sintomi da un viaggio all’estero, quattro pazienti residenti presso il territorio della Asl3 non hanno evidenziato collegamenti epidemiologici. Due di loro sono ricoverati presso Uo Malattie Infettive Ospedale Galliera, tre presso Malattie Infettive dell’Irccs Ospedale Policlinico San Martino. Per tutti sintomatologia comune: febbre, congiuntivite, tosse (con interessamento vie aeree), esantema morbilliforme. Uno dei pazienti risulta vaccinato con singola dose, quattro pazienti non vaccinati.

Il morbillo – spiega l’assessore alla Sanità Angelo Gratarolaè una malattia infettiva molto contagiosa che compariva sotto forma di epidemia a intervalli regolari: le complicanze più gravi, anche se rare da un punto di vista percentuale, erano comunque numerose. Quarant’anni fa è stata introdotta e raccomandata in tutto il mondo la vaccinazione contro il morbillo. Le coperture sono aumentate nel tempo, ma ci sono però ancora quote significative della popolazione non protetta. Per questa ragione, dopo i casi di contagio registrati, abbiamo deciso di implementare le azioni per aumentare le coperture vaccinali, con il potenziamento delle attività di recupero dei soggetti non vaccinati, con il coinvolgimento dell’Università di Genova e l’avvio di campagne informative”.

“Abbiamo ora – aggiunge il direttore generale di Alisa Filippo Ansaldiun duplice obiettivo: da una parte aumentare la copertura vaccinale negli adolescenti e nei giovani adulti con iniziative dedicate, dall’altra aumentarla nei soggetti di tutte le età, con particolare attenzione a operatori sanitari e scolastici, individuando azioni specifiche. Oltre a lettere e telefonate delle ASL per bambini e adolescenti in età di obbligo vaccinale e l’offerta garantita in presenza di focolai di morbillo e nelle occasioni di contatto con le strutture di igiene pubblica, stiamo mettendo in campo altre azioni: in particolare nel mese di aprile, in collaborazione con l’Università di Genova, saranno organizzate giornate dedicate all’offerta vaccinale con accesso diretto per la vaccinazione contro il morbillo”.

“Abbiamo iniziato a sperimentare positivamente il progetto ImmUniGe – spiega il Direttore unità operativa complessa igiene ospedale Policlinico San Martino e professore ordinario di igiene Università di Genova Giancarlo Icardicon 50 persone vaccinate contro l’HpV a una settimana dal lancio nell’iniziativa nel campus universitario di Savona. Attività supplementari con accesso diretto hanno un’efficacia comprovata. Per incrementare le coperture contro il morbillo, abbiamo quindi deciso di attivare l’apertura straordinaria dell’ambulatorio vaccinale al Padiglione 3 del Policlinico San Martino: il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.30 sarà quindi possibile vaccinarsi contro il morbillo con accesso libero e diretto”.

“Abbiamo presentato i dati di una sorveglianza che abbiamo deciso di avviare come dipartimento interaziendale di Malattie infettive per quanto riguarda le infezioni da streptococco pyogenes che stanno colpendo non solo il Giappone ma anche altre parti del mondo e che possono essere molto gravi – spiega il direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova Matteo BassettiNel 2023 e nei primi mesi del 2024 abbiamo avuto in Liguria 57 infezioni gravi da streptococco pyogenes, con purtroppo 8 decessi e 4 forme della cosiddetta toxic prox syndrome, che è quella che viene impropriamente descritta come streptococco mangiacarne. Abbiamo iniziato, tra i primi in Italia, a raccogliere i dati la settimana scorsa, e voglio per questo ringraziare i centri di malattie infettive della Liguria che stanno lavorando con noi. Oltre a questo – aggiunge Bassetti – abbiamo presentato un aggiornamento sul morbillo: ne sono stati segnalati 5 casi nella città di Genova la scora settimana. Al momento non si segnalano ulteriori casi, ma è importante dare raccomandazioni generali, in particolare per chi non avesse mai contratto la malattia o ricevuto il vaccino. Nella fascia di età tra i 15 e 40 è importante ricevere la vaccinazione, perché può essere una malattia moto complicata se contatta in età adulta”.

GOVERNO 

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Per il presidente “la riforma deve essere un’opportunità per individuare i correttivi per una maggiore equità. Attraverso la fiscalità indiretta ci sarebbero i margini per assicurare a tutte le regioni la copertura dei Lep, magari anche aumentando le risorse stanziate per il Fsn

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

PROFESSIONI

“Serve una grande riforma strutturale”

“Serve una grande riforma strutturale”

L’appello del Forum delle 75 Società Scientifiche dei Clinici Ospedalieri e Universitari Italiani. “In 2 anni (2020-22) -32.500 posti letto, troppi i medici in fuga a rischio le cure per tutti. Il Coordinatore Cognetti: “È indispensabile il potenziamento degli ospedali”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni