L’Istituto Mario Negri premiato con l’Edinburgh Medal dal più antico festival della scienza al mondo

Apr 2, 2024 | Territorio

Il prestigioso riconoscimento assegnato per la prima volta a un’organizzazione  piuttosto che a una persona. L’Istituto ha un approccio diverso, “orientato al paziente” e non “ai brevetti”, spiega la motivazione

L’Edinburgh Science Charity, ente di beneficenza educativo, noto per il suo annuale Festival della Scienza di Edimburgo (il primo al mondo e tuttora uno dei più importanti), ha premiato quest’anno l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri con la prestigiosa Edinburgh Medal. La cerimonia di premiazione si terrà martedì 2 aprile a Edimburgo, durante il Festival. Simon Gage, Direttore e Ceo di Edinburgh Science Charity, ha motivato così l’assegnazione: “Di fatto la Edinburgh Medal premia i pionieri del mondo della scienza che agiscono per migliorare la società. Il premio di quest’anno a un istituto di ricerca di livello mondiale, che ci mostra un approccio originale e unico per migliorare la salute globale, non potrebbe essere più appropriato. Il modo in cui la maggior parte dei farmaci e molti trattamenti vengono ideati e prescritti è troppo spesso guidato dalle forze del profitto e del protezionismo. Questo nonostante la maggior parte della ricerca di base venga finanziata dai contribuenti. Le eccessive prescrizioni, i prezzi elevati che impediscono un facile accesso, la mancanza di interesse per le malattie rare percepite come non redditizie e la riluttanza a condividere i risultati degli studi sono alcuni dei sintomi dell’attuale assetto che ostacolano l’ottimizzazione della salute della popolazione globale. L’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri ha un approccio diverso, “orientato al paziente” e non “ai brevetti”, di piena trasparenza e condivisione delle informazioni in campo scientifico e sanitario, ed è questo approccio che lodiamo e da cui ci sentiamo ispirati. Ciò ci spinge a chiederci perché il Regno Unito non abbia un proprio istituto di questo tipo, e ad andare oltre, chiedendone la fondazione”.

Nato in Italia nel 1963, l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Irccs è un ente morale senza scopo di lucro che opera nel campo della ricerca biomedica al servizio della salute pubblica. Guidato dall’imperativo etico di rimanere indipendente rispetto a interessi commerciali, partiti politici e credo religiosi, sceglie di non brevettare le proprie scoperte, mettendole a disposizione di tutti, comunità scientifica e pazienti, per garantire la massima collaborazione senza dover sottostare a confidenzialità e segretezza dei dati. Il Mario Negri assicura piena trasparenza e rigore nella pianificazione, realizzazione e pubblicazione della ricerca; nel condurre test sui nuovi farmaci, li confronta con i migliori già disponibili – e non solo con il placebo – per verificarne il reale progresso.  Silvio Garattini, Fondatore e Presidente e del Mario Negri sottolinea l’importanza della Edinburgh Medal, “che è particolarmente rilevante perché premia oltre 60 anni di attività nel campo della ricerca sui farmaci, della formazione dei ricercatori e nella informazione indipendente al pubblico.” Giuseppe Remuzzi, Direttore del Mario Negri, commenta: “Sono molto onorato di ricevere la prestigiosa Edinburgh Medal a nome dell’Istituto. Questo premio è un meritato riconoscimento dell’impegno e della dedizione di tutti i ricercatori che hanno lavorato per il Mario Negri in questi anni: la loro passione e i loro sacrifici sono stati assolutamente fondamentali, perché preservare la nostra indipendenza ha un prezzo elevato. La Edinburgh Medal riconosce anche il contributo di tutti i ricercatori che abbiamo formato, in particolare l’impressionante numero di oltre 9200 persone che hanno approfondito il proprio percorso di studio e ricerca al Mario Negri. Oggi, molti enti di ricerca in Italia sono guidati da persone che si sono specializzate all’interno dell’Istituto. A livello internazionale, sono molti i ricercatori formati al Mario Negri che occupano posizioni importanti, tra cui consulenti del Ministero della Salute nei loro paesi d’origine, in importanti organizzazioni internazionali di trapianti, o dirigenti all’interno delle università; uno dei nostri ex studenti è stato Rettore dell’Università Austral del Cile. Siamo particolarmente orgogliosi di aver avuto un ruolo nella loro formazione”. Commentando l’importanza dell’Istituto, Richard Horton, Direttore di The Lancet, ha affermato: “Il Mario Negri è un istituto di ricerca italiano con una reputazione globale senza pari in questo Paese”.

GOVERNO 

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Per il presidente “la riforma deve essere un’opportunità per individuare i correttivi per una maggiore equità. Attraverso la fiscalità indiretta ci sarebbero i margini per assicurare a tutte le regioni la copertura dei Lep, magari anche aumentando le risorse stanziate per il Fsn

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

PROFESSIONI

“Serve una grande riforma strutturale”

“Serve una grande riforma strutturale”

L’appello del Forum delle 75 Società Scientifiche dei Clinici Ospedalieri e Universitari Italiani. “In 2 anni (2020-22) -32.500 posti letto, troppi i medici in fuga a rischio le cure per tutti. Il Coordinatore Cognetti: “È indispensabile il potenziamento degli ospedali”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni