Obesità: l’Italia può diventare il primo paese al mondo con una legge mirata su questa malattia

Mag 31, 2024 | Governo e Parlamento

A luglio in Aula alla Camera la Pdl a firma dell’On. Pella approvata il 28 maggio in Commissione Affari Sociali della Camera. Punti centrali: riconoscimento dell’obesità come malattia e inserimento nei Lea

L’Italia ambisce ad avere la prima legge al mondo sull’obesità. Una legge che la riconosca come una malattia inserendola nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) e ponendola del tutto a carico del Servizio sanitario. Si tratta della proposta di legge contenuta nell’Atto della Camera dei Deputati n.741 della XIX Legislatura del 28 dicembre 2022 su “Disposizioni per la prevenzione e la cura dell’obesità” di iniziativa di Roberto Pella, Presidente dell’Intergruppo parlamentare “Obesità, diabete e malattie croniche non trasmissibili”, Deputato di Forza Italia. L’Atto, assegnato alla 12ª Commissione permanente (Affari sociali) della Camera dei Deputati il 16 febbraio 2023, e approvato lo scorso 28 maggio presso la medesima, approderà per la votazione in Aula alla Camera, come da calendario ufficializzato, nel prossimo mese di luglio. Oltre all’inserimento delle prestazioni per l’obesità nei Lea, la PdL prevede l’inserimento dell’obesità nel Piano Nazionale delle Cronicità e l’impegno per le Regioni a prevedere, nei rispettivi Piani sanitari territoriali, iniziative volte, tra le altre cose, a garantire pieno accesso alle cure e ai trattamenti nutrizionali, farmaceutici e chirurgici.

Le persone adulte con obesità in Italia rappresentano il 12 per cento della popolazione, ovvero circa 6 milioni, a cui si aggiunge circa un altro 40 per cento di persone con sovrappeso, il che significa che nel nostro Paese un problema di peso riguarda oltre la metà degli adulti. Circa un bambino su tre in Europa ha un problema di sovrappeso o obesità, e i numeri dell’Italia sono in linea (circa il 30 per cento).

«L’obesità rappresenta un’emergenza globale, che interessa fortemente anche il nostro Paese, e che richiede l’attivazione di percorsi concreti per contrastarla e prevenirla – dichiara Roberto Pella, Presidente Intergruppo Parlamentare “Obesità, diabete e malattie croniche non trasmissibili”, Deputato di Forza Italia – L’epidemia dell’obesità e delle malattie non trasmissibili, insieme all’invecchiamento della popolazione, minaccia seriamente i sistemi sanitari. Riconoscere l’obesità come una vera e propria malattia e affrontarla come una priorità nazionale è il principale contenuto della proposta di legge a mia prima firma, che sarà discussa a luglio in Aula alla Camera, per poi poter essere approvata, ci auguriamo, entro fine anno in Senato. Ringrazio il Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera On. Ugo Cappellacci per il lavoro svolto in Commissione, e ringrazio il Gruppo dei Deputati di Forza Italia e il Capogruppo On. Paolo Barelli, specialmente per aver messo in priorità e quindi in calendario di discussione in Aula la legge. L’Italia sarà così il primo Paese ad avere una legge simile e potrà anche farsene portavoce a livello europeo: la legge sarà fondamentale per avviare iniziative di prevenzione, per esempio legandole ad eventi sportivi, e anche campagne di informazione e sensibilizzazione per ridurre lo stigma che questa malattia porta con sé».

La proposta di legge detta i princìpi fondamentali in materia di prevenzione e di cura dell’obesità al fine di garantire la tutela della salute e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone con obesità. Viene anzitutto stabilito il principio che l’obesità, correlata ad altre patologie di interesse sociale, può essere definita come malattia cronica di interesse sociale.  La PdL prevede che l’assistenza ai soggetti affetti da obesità rientri nei Livelli essenziali di assistenza per garantire equità e accesso alle cure, nonché l’inserimento della patologia dell’obesità nel Piano nazionale della cronicità ai fini della sua prevenzione e cura. In particolare, Regioni e Province autonome sono tenute a predisporre, nell’ambito dei rispettivi piani sanitari territoriali, nel rispetto del Piano nazionale della cronicità, ogni idonea iniziativa diretta a fronteggiare la malattia cronica di interesse sociale dell’obesità. Gli interventi devono essere indirizzati verso obiettivi come la prevenzione dell’obesità e delle relative complicanze, nonché il miglioramento della cura delle persone con obesità, l’inserimento delle persone con obesità nelle attività scolastiche, lavorative e sportivo ricreative, la promozione delle attività sportive e della conoscenza delle principali regole alimentari nelle scuole, la diffusione, mediante campagne di informazione permanenti di regole per un corretto stile di vita. Fra gli obiettivi fondamentali, anche la realizzazione di reti regionali per l’assistenza alla persona con obesità, attraverso l’integrazione dei centri di riferimento regionali per la cura dell’obesità con la chirurgia bariatrica e la medicina territoriale, nonché la garanzia del pieno accesso alle cure e ai trattamenti nutrizionali, farmaceutici e chirurgici. Fra le novità introdotte dalla proposta di legge vi è infine l’istituzione dell’Osservatorio per lo studio dell’obesità presso il Ministero della salute, con compiti di monitoraggio, studio e diffusione degli stili di vita della popolazione italiana.

«Oggi, dal punto di vista scientifico, abbiamo finalmente una serie di strategie per affrontare l’obesità, che possono consentire a noi medici di intervenire in maniera congrua e adeguata per le varie tipologie della malattia, personalizzando la terapia. A questo punto, però, abbiamo bisogno di supporto da parte della società e, soprattutto, da parte della politica – dichiara Andrea Lenzi, Presidente OPEN Italy e Presidente del comitato tecnico scientifico dell’Intergruppo parlamentare “Obesità, diabete e malattie croniche non trasmissibili” – La presa in carico da parte della politica di questa emergenza come una priorità della propria agenda è fondamentale e la rapida approvazione di una simile legge è non solo auspicabile, ma necessaria».

Prospettive e criticità dell’ecosistema italiano

Prospettive e criticità dell’ecosistema italiano

Abbiamo incontrato Pietro Derrico, già Presidente SIhta e oggi coordinatore del Cts a margine della seconda edizione della Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici promossa dalla fondazione Mesit, e svoltasi a Roma lo scorso 9 luglio. Con lui abbiamo ragionato di Hta e delle sue prospettive.

L’ospedale non può funzionare a due velocità

L’ospedale non può funzionare a due velocità

“Dobbiamo restituire dignità alla parola Servizio”. Così il presidente della Società Italiana di Medicina d’Emergenza-Urgenza, Simeu, Fabio De Iaco che senza giri di parole sottolinea la necessità di avere “il coraggio di mettere in piedi un grande progetto per la rifondazione del Ssn che coinvolga tutti gli attori”

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Con il presidente Simg, Alessandro Rossi, scattiamo un’istantanea della medicina generale declinandone criticità e prospettive. “Serve un cambio di passo per rendere efficace la medicina territoriale”

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

REGIONI 

E ANCORA 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni