Regolamento Hta sui dispositivi medici, una sfida ma anche un’opportunità per le Piccole e Medie Imprese

Mag 31, 2024 | Governo e Parlamento, Guest, PMI Sanità

Il Presidente di Pmi Sanità Gennaro Broya de Lucia sul ruolo delle Pmi nel contesto del Nuovo Regolamento Hta sui Dispositivi Medici

 

Gennaro Broya de Lucia (Presidente Pmi sanità) è intervenuto al convegno “Think Heart” organizzato dal Gise Società italiana di cardiologia interventistica sotto la guida di Francesco Saia, e dove hanno preso parte i principali stakeholder dell’innovazione in sanità tra cui Marco Marchetti (Agenas), Americo Cicchetti (DG programmazione Ministero della Salute), Paola Colombo (DG Welfare Lombardia) Giandomenico Nollo (Presidente SIHTA) e Giancarla rondinelle (giornalista Tg1). Il nuovo regolamento Hta sui dispositivi medici, ha sottolineato il presidente di PMI sanità, rappresenta una svolta cruciale nel settore della sanità, con implicazioni significative per tutti i soggetti coinvolti a cominciare dai medici e dalle Piccole e medie imprese. “Sebbene vi siano sfide da affrontare – prosegue Broya de Lucia – proprio le Pmi hanno l’opportunità di emergere e consolidare il loro ruolo di leader nell’innovazione sanitaria, migliorando la qualità dei loro prodotti e ampliando il loro mercato. Con una strategia ben definita e un approccio proattivo al fianco di medici ed istituzioni, le Pmi possono non solo adeguarsi al nuovo contesto normativo, ma anche rappresentare uno snodo cruciale per l’intero sistema”.

“Il ruolo pioneristico di scouting ed introduzione nel mercato di nuove tecnologie storicamente in Italia compete alle Pmi sia per il loro ineguagliabile radicamento nel territorio ma soprattutto per il conseguente strettissimo rapporto quotidiano con le professionalità mediche. Le nostre aziende che oggi rappresentano oltre l’80% dei fornitori del Sistema Sanitario Nazionale, meritano pertanto – conclude de Lucia – il giusto supporto, le giuste risorse, ed il giusto peso nelle scelte quadro dei percorsi di Hta”.

OPINIONI E PUNTI DI VISTA 

TERRITORIO 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

E ANCORA 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto una delegazione Ail in occasione della Giornata nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma e per celebrare i 55 anni di attività dell’Associazione 

enterprice

ENTERPRISE

AziendePersone&Mercato

Diversità, equità e inclusione

Diversità, equità e inclusione

Sanofi consolida il suo impegno con un’ulteriore certificazione che conferma i risultati dell’azienda in termini di uguaglianza di genere

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni