Sant’Andrea: Pnrr, inaugurata la centrale operativa ospedaliera

Mar 28, 2024 | Territorio

Prosegue il lavoro del team multiprofessionale che rafforza la rete ospedale-territorio per la continuità delle cure, accolto oggi nei nuovi spazi della Centrale Operativa Ospedaliera finanziati con il Pnrr

Inaugurata la nuova Cot-H dell’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea di Roma, la struttura multiprofessionale che opera per un tempestivo ed appropriato percorso di dimissione post-acuzie, rafforzando la rete ospedale-territorio a beneficio anche di una riduzione della pressione sul pronto soccorso. Inseriti nel piano di edilizia sanitaria della Regione Lazio finanziato con fondi Pnrr per rafforzare il sistema della sanità territoriale, i nuovi locali della Cot-H del Sant’Andrea sono stati visitati in anteprima dal presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, e dall’assessore ai Servizi sociali, Disabilità, Terzo settore, Servizi alla Persona, Massimiliano Maselli, a margine della presentazione del Percorso Tobia del 25 marzo scorso. Interventi realizzati con un finanziamento pari a 115mila euro per lavori edili e di impiantistica, cui si aggiungono 120mila euro di software di interconnessione e device medicali.

Già operativo dallo scorso anno sulla base del modello organizzativo previsto con il Dm 77/2022, il team della Centrale Operativa dell’Ospedale Sant’Andrea assicura continuità e coerenza nella presa in carico del paziente, agevolando dimissioni difficili o attivando interventi mirati per pazienti complessi, cronici e/o fragili. Un approccio terapeutico post-acuzie personalizzato, omogeneo, senza soluzione di continuità, la cui coerenza nei diversi setting assistenziali si deve allo stretto collegamento con gli altri nodi della rete territoriale. È di luglio scorso, infatti, la sigla della convenzione tra il Sant’Andrea e le Aziende Sanitarie Locali Roma 1, Roma 4 e Roma 5, territorialmente adiacenti, per la continuità assistenziale, assicurata grazie alla cooperazione tra Centrali Operative volta a pianificare e gestire sinergicamente la transizione da un setting assistenziale ad un altro,  da una struttura a un’altra, o da un livello di intensità di cura a un altro, prevedendo anche l’attivazione di forme di consulto o il teleconsulto tra professionisti.

Da un’analisi preliminare dei dati emerge chiaramente l’effetto positivo sui flussi ospedalieri del lavoro della Cot-H: confrontando gennaio 2023 e gennaio 2024 si registra, ad esempio, un aumento pari al 23% dei pazienti dimessi nel mese. Ne consegue un aumento dei ricoveri (+30%) a vantaggio di una riduzione del sovraffollamento del pronto soccorso e delle liste di attesa per ricoveri in elezione.

“La centralità geografica della Cot-H nel nostro ospedale rispecchia la strategicità della rete ospedale-territorio in un sistema sanitario sostenibile – commenta Daniela Donetti, Direttore Generale dell’Aou Sant’AndreaMedici di direzione sanitaria, bed manager, assistenti sociali, psicologi, care manager, amministrativi: un team multiprofessionale che trova una sede comune per operare, mettendo a sistema le diverse competenze necessarie per valutare i bisogni clinici e socio-assistenziali delle persone e garantire continuità e coerenza nella transizione delle cure, in sinergia con i colleghi del territorio.”

GOVERNO 

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Migliore (Fiaso): In sanità l’autonomia regionale è già una realtà

Per il presidente “la riforma deve essere un’opportunità per individuare i correttivi per una maggiore equità. Attraverso la fiscalità indiretta ci sarebbero i margini per assicurare a tutte le regioni la copertura dei Lep, magari anche aumentando le risorse stanziate per il Fsn

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

PROFESSIONI

“Serve una grande riforma strutturale”

“Serve una grande riforma strutturale”

L’appello del Forum delle 75 Società Scientifiche dei Clinici Ospedalieri e Universitari Italiani. “In 2 anni (2020-22) -32.500 posti letto, troppi i medici in fuga a rischio le cure per tutti. Il Coordinatore Cognetti: “È indispensabile il potenziamento degli ospedali”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni