Scompenso cardiaco, Un algoritmo per semplificare il lavoro del medico di PS

Feb 12, 2024 | Innovazione, Tecnologie

Riconoscimento internazionale per una ricerca dell’ospedale Versilia che evidenzia i vantaggi di un approccio innovativo ai casi di scompenso cardiaco

Il Pronto soccorso del “Versilia”, insieme alla Cardiologia dello stesso ospedale e alla Medicina d’urgenza universitaria di Pisa, si è distinto con uno studio pubblicato su una rivista tra le più accreditate a livello internazionale e citato dal sistema di archiviazione Pubmed. La ricerca evidenzia i vantaggi di un approccio innovativo ai casi di scompenso cardiaco, che rappresenta un’azione di miglioramento per la gestione di queste situazioni in Pronto soccorso, con un algoritmo che permette al medico che ha in carico il paziente con problematiche acute cardiache di memorizzare il percorso e verificare in maniera rapida e intuitiva la corretta applicazione degli step diagnostico-terapeutici.

La pubblicazione dell’algoritmo sequenziale sulla rivista europea “European Heart Journal, Acute Cardiovascular Care” è stato il riscontro oggettivo in ambito internazionale della qualità e del merito della metodologia proposta e messa a punto dal gruppo di ricercatori del dipartimento di Emergenza urgenza dell’Azienda USL Toscana nord ovest, con capofila il reparto di Medicina emergenza urgenza e Pronto soccorso dell’ospedale Versilia sotto la guida di Giuseppe Pepe, insieme alle altre dirigenti della struttura Michela Sanna e Martina Vignani. Il progetto scientifico si è poi consolidato attraverso la collaborazione della Cardiologia diretta da Giancarlo Casolo e dell’unità operativa di Medicina d’urgenza universitaria diretta da Lorenzo Ghiadoni.

“Lo spunto di ricerca – spiega Pepeè nato da una semplice intuizione e dalla necessità di rispondere con estremo rigore scientifico alle esigenze assistenziali degli ammalati. Da questa premessa è stata sviluppata come metodologia clinica standardizzata nel corso della quotidiana pratica clinica di Pronto soccorso, sui pazienti con problemi cardiaci, in particolare con scompenso di cuore. La sequenza degli interventi necessari e delle terapie essenziali da assicurare al paziente con scompenso cardiaco può essere sintetizzata e verificata dal medico di emergenza urgenza nei passi essenziali con un metodo semplificato che segue un ordine alfabetico A-B-C-D-E: la sigla rappresenta gli elementi prioritari da valutare in modo sequenziale per tutte le fasi di valutazione sul paziente”.

L’approccio “ABCDE + FG nello scompenso cardiaco: un algoritmo decisionale semplificato per la gestione in pronto soccorso” rappresenta una rilevante opportunità mnemonica per il medico che ha in carico l’ammalato con problematiche acute cardiache, in qualsiasi setting assistenziale, sia di ricovero ospedaliero che ambulatoriale.

“La corretta applicazione e verifica degli step diagnostico-terapeutici sintetizzati nella sequenza metodologica – aggiunge Casoloassicura al medico di aver rispettato le indicazioni delle linee guida e della buona prassi. Parallelamente garantisce al paziente di ricevere le migliori cure (classe A) e gli accertamenti più adeguati (prioritari) per la specifica problematica di ambito cardiologico. L’algoritmo sostiene anche l’appropriatezza sia in fase diagnostica che prescrittiva dei farmaci specifici nello scompenso cardiaco”.

Seguire l’algoritmo riesce a sintetizzare riassumendo nei punti A-B-C-D-E tutte le indicazioni e le raccomandazioni descritte ampiamente nelle linee guida accreditate dalle Società scientifiche, orientando il medico nell’applicazione più completa e corretta. In modo innovativo nei punti F e G l’algoritmo si allarga a comprendere poi le recentissime indicazioni terapeutiche (Ferro e Gliflozine) che hanno dimostrato un rilevante impatto sulla prognosi del paziente con scompenso cardiaco acuto e cronico. La sua facile memorizzazione e assonanza alfabetica ai punti fondamentali delle azioni diagnostico-terapeutiche rende semplice e mnemonico il suo utilizzo nella pratica clinica corrente: l’innovazione è rappresentata dalla metodologia che aiuta il medico ad applicare rigidamente le evidenze scientifiche nel modo più corretto e completo.

“L’arte medica – chiude Giuseppe Pepe, insieme anche a Giancarlo Casolo – progredisce in tecnologia ma è il bagaglio culturale degli operatori sanitari a permettere prestazioni sempre all’avanguardia. L’impegno costante di acquisire nuove competenze e migliorare in professionalità ha permesso alla nostra struttura di Pronto soccorso, insieme ad altri settori dell’ospedale e dell’Università, che ringraziamo per la collaborazione, di consolidare il proprio ruolo nella ricerca clinica in ambito scientifico internazionale. L’attività di formazione e ricerca arricchiscono infatti il professionista del singolo reparto ma accreditano anche tutto l’ospedale e l’area vasta nel Sistema sanitario regionale e nazionale”.

STUDI/RICERCHE 

Dagli scarti di melagrana una protezione per il cuore

Dagli scarti di melagrana una protezione per il cuore

È quanto rivela una ricerca condotta dall’Istituto per la bioeconomia del Cnr e dall’Università di Pisa. Lo studio apre a potenziali applicazioni mediche favorendo anche un minor impatto degli scarti di melagrana sull’ambiente

FARMACI 

Contaminazioni pericolose

Contaminazioni pericolose

I farmaci sono oggi considerati tra i principali inquinanti emergenti poiché sono presenti nell’ambiente in modo ubiquitario, soprattutto in acque e suoli. Conseguenze e contromisure

Una Roadmap contro l’Antimicrobico resistenza

Una Roadmap contro l’Antimicrobico resistenza

Da Cittadinanzattiva dieci priorità d’azione per affrontare il problema. In Italia ci sono tra 10.000 e 15.000 morti ospedaliere annue dovute a infezioni da batteri multiresistenti. È di circa 1 miliardo il costo annuo legato alle infezioni

Carenza dei farmaci, DruGhost si conferma strumento strategico

Carenza dei farmaci, DruGhost si conferma strumento strategico

La piattaforma, che rappresenta il primo database nazionale ed europeo delle indisponibilità, nato grazie alla collaborazione tra la Sifo e l’Aifa, si conferma (grazie ai dati consuntivi 2023) come strumento predittivo delle carenze del farmaco

E ANCORA

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

Anche lo Snami firma l’Acn 2019-2021

“Di fatto, a oggi restiamo profondamente contrari al ruolo unico e alle ripartizioni orarie che penalizzano i più giovani” afferma il presidente del sindacato Angelo Testa

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni

I ministri tecnici non esistono

I ministri tecnici non esistono

Ascoltare, compiere scelte, costruire il consenso, far funzionare meglio l’amministrazione, disegnare il futuro: ogni ministro, anche uno cosiddetto “tecnico”, è chiamato a far questo… e molto altro