SItI e Simit pubblicano il documento per la prevenzione delle infezioni da Virus Respiratorio Sinciziale

Feb 12, 2024 | Professioni

Gli igienisti della SItI e gli infettivologi della Simit assieme per incentivare l’impiego dei nuovi strumenti preventivi dell’Rsv. Anticorpi monoclonali e vaccini possono salvare bambini e anziani da malattia grave e decesso

Il Virus Respiratorio Sinciziale – Rsv è in aumento. In Europa, infatti, provoca più del 60% delle infezioni respiratorie acute in bambini inferiori ai 5 anni di età e negli adulti over 60 vengono stimati circa 3 milioni di casi di sindromi respiratorie acute, con più di 465mila ospedalizzazioni e più di 33mila decessi in ambito ospedaliero Rsv-correlati. La Società Italiana d’Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) e la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) hanno redatto un Documento congiunto per stimolare alcune azioni urgenti per la prevenzione delle malattie Rsv-associate, come l’uso preventivo del nuovo anticorpo monoclonale a lunga emivita (Nirsevimab) e l’impiego dei nuovi vaccini contro l’Rsv oggi disponibili. Si auspica, inoltre, che la vaccinazione contro l’Rsv venga inserita nel calendario vaccinale e sia raccomandata negli adulti con più di 60 anni con co-morbosità e negli anziani over 75.

Il documento

Per far fronte al quadro epidemiologico del Rsv ed alla luce delle nuove opzioni di prevenzione a disposizione, il Documento “Prevenzione delle infezioni da Virus Respiratorio Sinciziale nella popolazione italiana” redatto dagli specialisti di SItI e Simit si propone come punto di partenza per quattro obiettivi: potenziare il sistema di sorveglianza per le infezioni virali respiratorie in accordo con le indicazioni dell’Oms e dell’Ecdc; considerare la disponibilità del nuovo anticorpo monoclonale come un’importante arma di prevenzione universale delle malattie da Virus Respiratorio Sinciziale, che andrebbe inquadrata in termini regolatori e organizzativi alla stregua di un programma vaccinale che interessi come presidio preventivo l’intera coorte di nuovi nati; considerare che i nuovi vaccini contro l’Rsv oggi disponibili rappresentano un’opzione preventiva innovativa nei confronti di un bisogno medico ad oggi insoddisfatto; prevedere di inserire la vaccinazione contro l’Rsv nel calendario vaccinale, raccomandando la vaccinazione negli adulti >60 anni di età con co-morbosità e negli anziani >75 anni di età.

“Il Virus Respiratorio Sinciziale umano è uno dei virus più comuni che infettano i bambini in tutto il mondo ed è sempre più riconosciuto come un importante patogeno negli adulti, in particolare negli anziani – afferma Giovanni Gabutti, Coordinatore del Gruppo di Lavoro ‘Vaccini e Politiche vaccinali’ della Società Italiana d’Igiene (SItI)Le infezioni da Rsv rappresentano un rilevante problema di Sanità pubblica che coinvolge tutte le fasce di età e per il quale purtroppo non esiste un trattamento efficace. La gestione e la prevenzione delle patologie Rsv-correlate sono ad oggi un bisogno medico insoddisfatto che può trovare una risposta grazie alle nuove scoperte scientifiche ed alla disponibilità di nuove opzioni di intervento in termini di immunoprofilassi passiva ed attiva”.

“Il Virus Sinciziale lo abbiamo conosciuto meglio negli ultimi anni con il nuovo sistema di monitoraggio delle polmoniti – sottolinea Massimo Andreoni, Direttore Scientifico SimitÈ un virus che frequentemente colpisce bambini o persone in età più avanzata con forme di polmonite molto gravi, con un rischio di letalità certamente non trascurabile. La disponibilità dei nuovi strumenti preventivi, i cui risultati di sicurezza ed efficacia sono confermati, deve rappresentare un punto di riferimento imprescindibile per il SSN. Permetteranno infatti di salvaguardare la salute di soggetti i cui sistemi immunitari non sono completamente sviluppati, come i bambini, o che attraversano una fase di immunosenescenza, come negli over 60”.

Numeri in aumento in Italia e in Europa

Il Virus Respiratorio Sincinziale è uno dei virus più comuni che infettano i bambini ed è riconosciuto come un importante patogeno anche negli adulti. Più del 60% delle infezioni respiratorie acute in bambini inferiori ai 5 anni di età (e più dell’80% nei bambini con meno di 1 anno) sono dovute a Rsv. In Europa, negli adulti over 60, vengono stimati circa 3 milioni di casi di sindromi respiratorie acute, più di 465mila ospedalizzazioni e più di 33mila decessi in ambito ospedaliero Rsv-correlati. In Italia, nel periodo 2001–2014 sono stati registrati 57.656 ricoveri ospedalieri per patologie da Rsv. Si stima che nella stagione 2022-2023, circa il 50% delle sindromi simil-influenzali nei bambini con meno due anni sia stato causato da Rsv. Inoltre, il tasso di ospedalizzazione in età pediatrica Rsv-correlato è incrementato nelle ultime stagioni rispetto a quanto registrato negli anni precedenti. L’impatto negli adulti, certamente sottostimato, nel 2019 conta circa 290mila casi di infezioni respiratorie acute da Rsv, 26mila ospedalizzazioni e 2mila decessi in ambito ospedaliero.

NEWS 

TERRITORIO 

LE NOSTRE INTERVISTE

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Il neo eletto presidente di Confindustria Dispositivi Medici, Nicola Barni ha le idee chiare: “Vogliamo aprire un nuovo dialogo con la politica e con le istituzioni affinché si lavori insieme per una governance del settore, che risponda ai fabbisogni di salute e colga la sfida di rinnovamento della Sanità”

Le questioni sul tavolo

Le questioni sul tavolo

Organizzazione del sistema, personale, formazione e medicina difensiva. Il presidente Siaarti, Antonino Giarratano, ci parla del presente e del futuro del Ssn

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Dalla carenza di medici alle aggressioni, dalla formazione all’utilizzo delle tecnologie fino al nuovo Codice deontologico. Di questo abbiamo parlato con Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Più prevenzione in tutte le direzioni

Più prevenzione in tutte le direzioni

Incontriamo un Francesco Perrone, che assume quest’anno la presidenza  dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), determinato e pragmatico. Con lui in questa lunga chiacchierata discutiamo di formazione, prevenzione e di un sistema sanitario perfettibile, sì, ma di cui dovremmo andare davvero molto fieri.

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’intelligenza artificiale. E lo fa coinvolgendo esperti di ambiti differenti per offrire sia una visione “sistematica” che per realizzare un approfondimento all’interno di specifiche specialità clinica già investite dai sistemi tecnologici intelligenti.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Anche lo Snami firma l’Acn 2019-2021

“Di fatto, a oggi restiamo profondamente contrari al ruolo unico e alle ripartizioni orarie che penalizzano i più giovani” afferma il presidente del sindacato Angelo Testa

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni

PS-News

Ogni venerdì il riepilogo dei migliori articoli del mondo della sanità