Spallanzani: al via il Progetto PaCeMiTe

Mag 14, 2024 | Territorio

La tecnologia a favore degli ambienti di cura ad alta intensità e alto isolamento. Il progetto messo a punto dalla Uos Ingegneria clinica e  dalla Uoc Terapia Intensiva 

Ha preso avvio ieri il “Progetto PaCeMiTe” (Patience Centered & bio-Technology Mission) – La tecnologia a favore degli ambienti di cura ad alta intensità e alto isolamento. Ad organizzarlo l’Uos Ingegneria clinica e l’Uoc Terapia Intensiva dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” Irccs.
Come spiegato dalle responsabili del progetto, Maria Grazia Bocci (Direttrice Uocv Terapia Intensiva) e Raffaella Barbaro (Uos Ingegneria clinica), “La recente esperienza pandemica ha portato l’attenzione sul ripensamento dell’ambiente ospedale per ottenere gli stessi livelli di care in termini di sicurezza delle cure, ottimizzazione e massimizzazione delle stesse, di perfezionamento delle relazioni umane e di benessere olistico del paziente, dei sanitari e dei familiari anche in Alto Isolamento. E l’esperienza di cura viene mantenuta globale viene mantenuta anche se il paziente necessita di isolamento”.
 
Questi gli obiettivi del progetto PaCeMiTE:
·         Sviluppare tecnologie di supporto alla cura e al benessere psico-fisico in ambienti di cura in Alto Isolamento per pazienti, personale sanitario, familiari
·         Validare metodologie di monitoraggio e valutazione dello stato di salute del paziente, delle dimensioni emotive e cognitive
·         Utilizzare le stesse tecnologie e metodologie per raccogliere e registrare dati clinici nei reparti rianimazione e terapia intensiva; archiviarli in modo strutturato; attivare strumenti di elaborazione e analisi avanzata e real-time; condividerli su piattaforme informatiche di bigdata, con software di costruzione di scores che possano misurare lo stato di salute in termini psico-fisici, monitorarlo nel tempo e misurare gli interventi terapeutici eseguiti
·         Valutare i risultati in termini di benessere del paziente, del personale e dei familiari
·         Valutare l’impatto economico in termini di riduzione dei tempi di degenza, miglioramento della soddisfazione per le cure, miglioramento di outcomes congrui e misurabili
·         Sviluppare progetti di ricerca in ambito clinico e tecnologico consapevoli che l’uso razionale della tecnologia per la cura e la ricerca scientifica rappresenta un eccezionale strumento di governance e ricerca.

GOVERNO 

Emergenza-Urgenza: cambiare si può

Emergenza-Urgenza: cambiare si può

La Commissione Affari Sociali approva il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulla situazione della medicina dell’emergenza-urgenza e dei pronto soccorso in Italia

E ANCORA 

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

PROFESSIONI

Il carico

Il carico

Nella società delle famiglie in cui tutti i membri, generalmente pochi, lavorano fuori di casa e in cui le cronicità sono sempre più rappresentate, la figura del caregiver familiare o informale è sempre più presente e, quando questa figura è irreperibile, la scelta ricade sul caregiver professionale

I medici, riferimento fondamentale per i cittadini

I medici, riferimento fondamentale per i cittadini

Secondo il Rapporto Cida-Censis i medici sono considerati potenzialmente le figure professionali più in grado di assolvere a funzioni dirigenti, contemperando la priorità della tutela della salute con l’ineludibile sostenibilità anche economica della sanità

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni