Suicidio assistito, Medici fiorentini: Urge una legge quadro nazionale equilibrata

Feb 12, 2024 | Voci

Il presidente dell’Ordine, Dattolo, dopo il caso del giornalista Pugliese: “L’Italia in ritardo, il percorso deve essere regolamentato”

“C’è bisogno di una legge nazionale che tuteli il percorso delle persone che scelgono il suicidio assistito. Ad oggi l’unica regolamentazione è una sentenza della Corte Costituzionale”. A dirlo è Pietro Dattolo, presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze, dopo il caso del giornalista Daniele Pugliese, che a 67 anni ha scelto di togliersi la vita in Svizzera dopo una lunga malattia.

“Pugliese – dice Dattolo – è soltanto l’ultimo cittadino italiano che è dovuto uscire dai confini nazionali per ottenere il suicidio assistito. Ciò rende evidente quanto sia importante arrivare in tempi certi a una legge italiana che possa regolare la scelta di queste persone. il Parlamento, non solo questa legislatura, è in ritardo”.

“Una legge nazionale non è più rinviabile, deve essere scritta con grande equilibrio e al suo interno deve essere chiaramente riconosciuto il diritto all’obiezione di coscienza – precisa il presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze -. Siamo contrari a soluzioni a maglie molto, troppo, larghe come quella adottata in Olanda, dove addirittura si è arrivati a proppore il diritto all’eutanasia secondo gli unici requisiti dell’età e dell’accertamento della volontà della persona, anche in assenza di una patologia riconosciuta”.

“Riguardo alle proposte di una legge regionale come quella esaminata dal Consiglio Regionale del Veneto – conclude Dattolo – mi preme sottolineare che questa definirebbe tempi certi per chi sceglie il suicidio assistito, ma non ne regolerebbe il percorso in maniera strutturale. Per questo motivo c’è la necessità di una normativa nazionale”.

GOVERNO 

Milleproroghe: il testo è legge

Milleproroghe: il testo è legge

Con 93 voti a favore, 61 contrari e un astenuto, l’Assemblea del Senato ha rinnovato la fiducia al Governo approvando definitivamente il Ddl

LE NOSTRE INTERVISTE 

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Insieme per disegnare la Sanità del Futuro

Il neo eletto presidente di Confindustria Dispositivi Medici, Nicola Barni ha le idee chiare: “Vogliamo aprire un nuovo dialogo con la politica e con le istituzioni affinché si lavori insieme per una governance del settore, che risponda ai fabbisogni di salute e colga la sfida di rinnovamento della Sanità”

Le questioni sul tavolo

Le questioni sul tavolo

Organizzazione del sistema, personale, formazione e medicina difensiva. Il presidente Siaarti, Antonino Giarratano, ci parla del presente e del futuro del Ssn

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Ruolo più forte per il ministero della Salute

Dalla carenza di medici alle aggressioni, dalla formazione all’utilizzo delle tecnologie fino al nuovo Codice deontologico. Di questo abbiamo parlato con Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Più prevenzione in tutte le direzioni

Più prevenzione in tutte le direzioni

Incontriamo un Francesco Perrone, che assume quest’anno la presidenza  dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), determinato e pragmatico. Con lui in questa lunga chiacchierata discutiamo di formazione, prevenzione e di un sistema sanitario perfettibile, sì, ma di cui dovremmo andare davvero molto fieri.

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’IA

L’ingegneria clinica si interroga sull’intelligenza artificiale. E lo fa coinvolgendo esperti di ambiti differenti per offrire sia una visione “sistematica” che per realizzare un approfondimento all’interno di specifiche specialità clinica già investite dai sistemi tecnologici intelligenti.

Anche lo Snami firma l’Acn 2019-2021

“Di fatto, a oggi restiamo profondamente contrari al ruolo unico e alle ripartizioni orarie che penalizzano i più giovani” afferma il presidente del sindacato Angelo Testa

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni