Tecnologia innovativa contro le dipendenze

Apr 15, 2024 | Innovazione, Tecnologie

Il trattamento, che utilizza i campi magnetici per stimolare le funzioni cerebrali, si è dimostrato efficace per una vasta gamma di disturbi psichiatrici e neurologici. Il progetto ideato e gestito dal Responsabile del SerD dell’Ausl Valle d’Aosta

 Parte il progetto “Future waves against addiction” ideato e gestito dal Responsabile del SerD, il Servizio per le Dipendenze dell’Azienda Usl Valle d’Aosta. Si tratta della prima applicazione clinica sul territorio della Valle d’Aosta di una tecnologia innovativa, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS – repetitive Transcranial Magnetic Stimulation), trattamento all’avanguardia per le dipendenze sia da sostanze che comportamentali. “Pochissimi centri sanitari pubblici in Italia possiedono questa tecnologia, riconosciuta come una nuova frontiera nel trattamento per le dipendenze e che offre un importante approccio complementare alle terapie farmacologiche. La rTMS ci permette di inserirci in un filone di ricerca fertile e promettente, aumentando il know-how della struttura e contribuendo al progresso scientifico dell’Azienda nel campo del trattamento delle dipendenze” sottolinea Gerardo Di Carlo, psichiatra Responsabile del SerD. “La rTMS – spiega – è una tecnica medica di neuromodulazione non invasiva che utilizza i campi magnetici per influenzare la funzionalità cerebrale modificando l’attività di precise aree del cervello e favorendo così il miglioramento terapeutico. Durate la seduta al paziente viene collocato su specifiche parti del cranio uno strumento (coil) in grado di produrre impulsi magnetici in modo ritmico alternato a pause. Le onde generate riescono, a seconda della frequenza, a stimolare o a inibire l’attività del tessuto nervoso sottostante. Questa procedura si è dimostrata efficace nel trattamento di una vasta gamma di disturbi di interesse psichiatrico, inclusi il Disturbo da Uso di Sostanze (cocaina, alcol, nicotina etc.), il Disturbo da gioco d’azzardo, il Disturbo depressivo maggiore resistente al trattamento farmacologico, la Depressione con sintomi ansiosi, il Disturbo Ossessivo Compulsivo e molte altre condizioni. Essa trova applicazione anche in neurologia nel trattamento della Malattia di Parkinson, nel Morbo di Alzheimer, nella riabilitazione post-ictus, nel trattamento del dolore, nell’emicrania ed in diversi altri disturbi”.

Lo studio clinico inizierà a breve con l’arruolamento dei pazienti e si concluderà con la pubblicazione dei risultati, in particolare valutando gli effetti sulla riduzione del craving (il desiderio compulsivo di una sostanza psicoattiva o di qualunque comportamento gratificante e addictogeno). I pazienti saranno monitorati attraverso valutazioni psichiatriche e psicologiche approfondite prima, durante e dopo il trattamento, includendo follow-up a 3 e 6 mesi dalla conclusione del trattamento per valutare la persistenza degli effetti terapeutici. Lo studio esplorerà anche gli effetti secondari del trattamento sul tono dell’umore, l’ansia, la qualità del sonno e il craving per la nicotina.

“Abbiamo creato uno spazio ad hoc nella nostra sede dove i pazienti saranno sottoposti alle sedute in un ambiente rilassante – spiega Di Carlo -. Il trattamento è indolore e molto ben tollerato. Il paziente resta comodamente seduto, sveglio e vigile, mentre le onde elettromagnetiche vengono orientate sull’area cerebrale interessata. Il protocollo prevede tre sessioni di rTMS al giorno per un totale di 15 sessioni nell’arco di 5 giorni, con l’obiettivo di stimolare in maniera intensiva la corteccia prefrontale dorsolaterale sinistra e indurre effetti terapeutici duraturi”.

“Lo studio è solo il primo passo: l’obiettivo che ci prefiggiamo una volta ultimato lo studio con risultati di efficacia – conclude Di Carloè far entrare questa tipologia di trattamento nella prassi clinica abituale del servizio pubblico della nostra Regione, rendendolo accessibile alla popolazione della Valle d’Aosta e di altre regioni limitrofe nell’ambito delle dipendenze, della salute mentale e delle patologie neurologiche”.

STUDI/RICERCHE 

Sanità digitale: manca ancora la spinta del Pnrr

Sanità digitale: manca ancora la spinta del Pnrr

Nell’ultimo anno il 35% dei medici specialisti e il 48% dei Mmg hanno fatto accesso al Fse. Il 52% dei pazienti pensa che l’AI porterà più benefici che rischi. La spesa per la sanità digitale cresce a 2,2 miliardi di euro, +22%. Gran parte delle risorse del Pnrr deve ancora essere messa a terra

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Drg, ecco i risultati della ricerca Nisan

Resi noti i risultati del “Progetto Bussola” realizzato da N.I.San che permette ogni anno di calcolare i costi di riferimento (standard) dei ricoveri ospedalieri di ogni DRG.

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

Oms: Cresce l’incidenza di infezioni a trasmissione sessuale

L’Hiv a livello globale, le epidemie di epatite virale e le infezioni a trasmissione sessuale (Ist) continuano a rappresentare sfide significative per la salute pubblica, causando 2,5 milioni di morti ogni anno, secondo un nuovo rapporto dell’Oms

FARMACI 

Terapie avanzate: entro il 2030 fino a 60 nuovi farmaci

Terapie avanzate: entro il 2030 fino a 60 nuovi farmaci

Ma per assicurare equità e sostenibilità servono nuovi modelli di accesso. Se ne è discusso oggi ad un convegno organizzato da Iss e Assobiotec-Federchimica. Più di 1.900 studi clinici nel mondo, di cui 112 in fase 3. Ruolo chiave per l’Italia

Adhd: i farmaci riducono del 40% i comportamenti a rischio

Adhd: i farmaci riducono del 40% i comportamenti a rischio

Al via oggi a Cagliari la terza edizione convegno di Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf) e Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia). “Aderenza a cure fondamentale per controllare l’impulsività”

E ANCORA

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
enterprice

ENTERPRISE

Aziende&Persone

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Collaborazione Gruppo Chiesi e il Karolinska Institutet con l’obiettivo di contribuire al progresso scientifico e migliorare il percorso di cura dei pazienti attraverso una cooperazione in termini di ricerca, sviluppo e innovazione

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni