Tumore al seno, Schillaci: enormi passi avanti compiuti grazie a ricerca e diffusione Breast Unit

Mar 22, 2024 | Governo e Parlamento

Un evento al ministero con la Commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides: “Italia esempio da condividere con altri stati membri”. Al 2022 risultano 194 le Breast Unit in Italia

Si è tenuto ieri al ministero della Salute l’evento “La rete delle Breast Unit –  Un modello integrato per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione” del tumore della mammella. All’iniziativa, moderata da Maria Rosaria Campitiello, Capo della segreteria tecnica del Ministro, hanno partecipato il ministro della Salute Orazio Schillaci, la Commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides, Alberto Costa, Special Adviser on Cancer Strategies della Commissaria Europea Kyryakides; Francesco Schittulli, Presidente LILT; Corrado Tinterri, Responsabile di Unità Operativa e Direttore della Breast Unit, IRCCS Humanitas; Oreste Buonomo, Senologo, Chirurgo generale, Professore Ordinario di Chirurgia Generale, Università degli Studi della Basilicata; Nicoletta Gandolfo, Direttore del Dipartimento di Diagnostica per immagini, ASL3 Genovese e della S.C. Radiologia, Ospedale Villa Scassi  e Michelino De Laurentiis, Direttore del Dipartimento di Oncologia Senologica e Toraco-Polmonare, Istituto Nazionale Tumori IRCCS – “Fondazione G. Pascale” di Napoli.

Il ministro nel corso del suo discorso ha sottolineato gli enormi passi in avanti compiuti grazie alla ricerca e alla diffusione delle Breast Unit.

“Nel 2023 – ha detto Schillaci – in Italia sono state stimate circa 56 mila diagnosi di tumore alla mammella che rappresenta la neoplasia più frequente nelle donne e purtroppo la prima causa di morte nella fascia d’età tra i 35 e i 50 anni. Ci sono però, per fortuna, anche numeri positivi: il dato di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è dell’88% e sono più di 834mila le donne viventi in Italia dopo una diagnosi di cancro al seno. Senza dubbio questi sono traguardi possibili grazie agli enormi passi avanti compiuti dalla ricerca che hanno reso disponibili terapie sempre più innovative e personalizzate e alla diffusione delle Breast Unit che garantiscono diagnosi precoce, interventi chirurgici secondo i più elevati standard e soprattutto una presa in carico multidisciplinare che credo sia la risposta migliore per una malattia come il cancro al seno”. 

Il ministro ha poi sottolineato come le Breast Unit siano “un modello di presa in carico che si è sviluppato proprio grazie all’impulso del Parlamento Europeo che a partire dalla fine degli anni 90 e soprattutto agli inizi degli anni duemila ha affermato il diritto delle donne affette da questa patologia ad essere curate in centri multidisciplinari e con precisi volumi di attività. E l’Italia si è adeguata  alle indicazioni europee”. Schillaci è intervenuto anche sul tema della diffusione delle Breast Unit sul territorio nazionale ricordando il lavoro svolto con le Regioni “per rendere sempre più capillare la presenza dei centri di senologia sul territorio nazionale che al 2022, secondo i nostri dati, risultano essere 194. E a dispetto di un’opinione diffusa non sono tutti concentrati nel Nord, ma sono ormai diffusi su tutto il territorio nazionale”.

E sul valore delle Breast Unit la Commissaria UE Stella Kyriakides ha evidenziato: “In Italia ho visto un lavoro eccellente nel trattamento delle donne con tumore al seno in breast unit specializzate: questo per noi è un esempio che spero potremo condividere con altri stati membri.”

TERRITORIO 

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

LE NOSTRE INTERVISTE

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza”, commenta per noi l’impianto del primo decreto attuativo alla Legge 33. Sui tre interventi principali previsti dalla legge “troppa distanza”

Formare ed informare

Formare ed informare

Consumo di alcol e una scarsa consapevolezza dei rischi e delle opportunità di screening peggiorano il quadro delle patologie del fegato e a preoccupare oggi più che mai è la salute dei giovanissimi. Abbiamo ascoltato Vincenza Calvaruso, segretario nazionale Aisf, la quale entra per noi nel merito del problema

“Un sistema più etico”

“Un sistema più etico”

In attesa che la Corte di Cassazione si esprima in merito al meccanismo del payback per i dispositivi medici, Gennaro Broya de Lucia, presidente di Pmi Sanità*, ci regala la fotografia di un momento cruciale per il comparto (e per la Sanità tutta)

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni