Tumori, con attività fisica -40% di rischio per colon e -20% per polmone

Mag 23, 2024 | Professioni

Non vi sono controindicazioni alla pratica fisica nel paziente oncologico. Nel nuovo volume di Ropi moltissime informazioni e consigli su come allenarsi a prevenire e combattere il tumore con l’attività fisica

Un’attività fisica ‘di precisione’ è fondamentale per potenziare l’efficacia di un trattamento farmacologico, chemio o radioterapico, ma anche per agire in prevenzione, riducendo il rischio di insorgenza di malattia oncologica, di seconde manifestazioni o di recidiva. Lo spiega la Ropi (Rete Oncologica Pazienti Italia), nel suo nuovo quaderno “Attività fisica e tumori”, pronto per l’arrivo della stagione estiva e, perché no, per la prova costume. Il volume è già scaricabile gratis sul sito www.reteoncologicaropi.it. Del resto, che l’attività fisica sia un preziosissimo ‘personal trainer’ dei sistemi di controllo è conclamato da numerosi studi scientifici. Oltre 50 hanno attestato che l’esercizio fisico regolare riduce di circa il 30-40% il rischio di tumore del colon e del 20% del tumore del polmone. Nella donna con tumore del seno migliora la tollerabilità dei trattamenti post-chirurgici e abbassa le probabilità di recidiva, inoltre ha effetti positivi nel ridurre la comparsa di tumore dell’endometrio del 20-40%. Nell’uomo con tumore della prostata, allevia i sintomi e/o gli effetti collaterali delle terapie. Questo si spiega con il fatto che l’attività fisica interagisce col sistema immunitario, in cui favorisce l’aumento di cellule natural killer o riduce la concentrazione di estrogeni corresponsabili dello sviluppo di alcuni tumori ormonodipendenti (mammella, utero e prostata). Grazie a questi studi oggi si è anche andati oltre i canonici e sempre raccomandati 150-300 minuti di attività aerobica a moderata intensità oppure 75-150 minuti ma vigorosi a settimana, definendo programmi di esercizio fisico personalizzati, anche in termini di effetti positivi indotti dalla ‘terapia del movimento’ per specifici tumori.
 
“Lo stile di vita, in particolare la dieta scorretta e la sedentarietà, sono tra le prime cause di rischio per tumore: correggere questi comportamenti contrasta anche l’obesità che, a sua volta è un terzo importante fattore di molti tipi di malattia – spiega Stefania Gori, Presidente Ropi . Non affermo, fin qui, nulla di nuovo. Ciò che invece è emerso è che specifici programmi di attività fisica, l’intensità della pratica, e la ‘posologia’ possono migliorare l’azione e la reazione alla malattia. In generale si ottiene un miglioramento della sensazione di fatigue (stanchezze e mancanza di energia che si accompagna alle terapie), riducendo possibili effetti collaterali, come le artralgie (dolore articolare), migliorando la funzionalità cardio-respiratoria con un generale impatto di ben-essere psicofisico. Effetti che possono essere potenziati con la scelta della tipologia di attività, prevalentemente aerobica e di intensità lieve-moderata, secondo programmi di attività, facili, misurati sulle esigenze della malattia e della persona, dunque altamente efficaci. Vero è infatti che, salvo eccezioni, a differenze delle terapie farmacologiche, l’attività fisica non ha controindicazioni e effetti collaterali”.
Nel dettaglio, ad esempio, oltre 50 studi hanno attestato che l’esercizio fisico regolare, praticato nell’arco della vita, riduce di circa il 30-40% il rischio di tumore del colon e del tumore del polmone del 20%. Nella donna con tumore della mammella migliora la tollerabilità dei trattamenti medici post-chirurgici e abbassa le probabilità di recidiva, e sempre in prevenzione, ha effetti positivi nel ridurre la comparsa di tumore dell’endometrio del 20-40%. Nell’uomo con tumore della prostata, allevia i sintomi e/o gli effetti collaterali delle terapie, migliorando il benessere psicologico. Specie in alcuni contesti: in caso di prostatectomia, infatti l’attività fisica praticata prima della chirurgia, migliora il recupero e gli esiti e nel post-intervento e specifici esercizi per il pavimento pelvico agiscono sul controllo dell’incontinenza, favorendo anche il mantenimento di una buona funzionalità sessuale.
 
Nel volume vi sono moltissime informazioni e consigli su come allenarsi a prevenire e combattere il tumore con l’attività fisica. Tra questi eccone tre:
1)    Per le donne con tumore del seno – Tipo di attività: Camminare, fare le faccende domestiche o dedicarsi al giardinaggio, e hobby sempre di tipo aerobico, come nuoto, ballo, ginnastica dolce (per donne più in età), bicicletta o cicloergometro, fit walking o nordic walking, esercizi di flessibilità (stretching) e per il rinforzo muscolare. Esercizi eventualmente eseguibili a casa, dopo adeguato training
2)    Per chi soffre di tumore del colon retto – L’esercizio aerobico e l’esercizio di forza a moderata intensità (o vigorosa, se consigliati e tollerati) sono sicuri e benefici, sia durante che dopo i trattamenti della neoplasia. Nelle persone con stomia, praticare attività fisica con la sacca può non essere semplice, ma non è una controindicazione assoluta all’esercizio.
3)    Per gli uomini con tumore della prostata – in considerazione degli effetti benefici dell’attività fisica e gli effetti avversi dei trattamenti per il carcinoma alla prostata, è raccomandato intraprendano l’avvio tempestivo a un programma di esercizio fisico.

 

NEWS 

TERRITORIO 

LE NOSTRE INTERVISTE

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Alessandro Rossi, Simg: investire sul personale

Con il presidente Simg, Alessandro Rossi, scattiamo un’istantanea della medicina generale declinandone criticità e prospettive. “Serve un cambio di passo per rendere efficace la medicina territoriale”

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
“L’intero sistema va ripensato”

“L’intero sistema va ripensato”

Ai nostri microfoni il neo presidente dell’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato ci indica le priorità da affrontare “accanto al Governo”

Dipende anche da noi

Dipende anche da noi

In tema di prevenzione sappiamo abbastanza bene che cosa dovrebbero fare le istituzioni, dal Ministero alle Regioni, dalla scuola a tutte le centrali educative. Ma dovrebbe essere normale volersi un po’ bene

Aiop: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale

Aiop: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale

L’Associazione Italiana delle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali e delle aziende socio-sanitarie residenziali e territoriali di diritto privato rinnova le cariche sociali. Pelissero, in carica per il quadriennio 2024 – 2028, succede a Barbara Cittadini

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni

PS-News

Ogni venerdì il riepilogo dei migliori articoli del mondo della sanità