Venturi (Fondazione The Bridge): Aumentare finanziamento Fsn non basta. La spesa sanitaria va riclassificata”

Mag 15, 2024 | Voci

Per Venturi è “fondamentale una revisione di alcuni profili di governo del sistema sanitario nazionale, come le professioni sanitarie e i comparti assicurativo e mutualistico”

“È sicuramente auspicabile aumentare il finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, anche perché ci sono servizi, come quelli orientati verso il disagio giovanile, i disturbi del comportamento alimentare, la neuropsichiatria infantile o la psichiatria dell’adolescenza, che rappresentano un vulnus eccezionale a cui è doveroso cercare di porre rimedio. Ma aumentare le risorse non è una misura sufficiente, la spesa sanitaria va invece riclassificata”. Lo ha detto il Vicepresidente di Fondazione the Bridge, Alessandro Venturi, durante l’audizione alla Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge sulle “Disposizioni per il sostegno finanziario del Servizio sanitario nazionale”.

“La stratificazione dell’aumento della spesa – ha precisato Venturi – comporta ritardi nella riorganizzazione della spesa stessa e questo è un punto cruciale. Una parte significativa dell’attuale spesa sanitaria, già stanziata nel Bilancio dello Stato, andrebbe rimodulata per liberare risorse da orientare verso nuovi bisogni. Sono perplesso sulla possibilità di aumentare la spesa senza una sua riclassificazione, perché tutte le volte che nel nostro Paese vengono iniettate risorse pubbliche, come ad esempio il PNRR, tale iniezione non si trasforma in un esempio virtuoso di ripensamento delle politiche pubbliche, al fine di orientare più correttamente l’impiego delle risorse”.

Per Venturi, inoltre, è “fondamentale una revisione di alcuni profili di governo del sistema sanitario nazionale, come le professioni sanitarie e i comparti assicurativo e mutualistico. Ciò consentirebbe di rendere sostenibili dal punto di vista dei conti pubblici le proposte di legge sul sostegno finanziario del SSN. Oggi, infatti, rispetto al tasso di crescita del Paese appare poco verosimile immaginare che nei prossimi anni il finanziamento del sistema sanitario nazionale possa contare sui 40 o 45 miliardi che servirebbero per completare il quadro dell’offerta attuale” ha concluso.

GOVERNO 

Emergenza-Urgenza: cambiare si può

Emergenza-Urgenza: cambiare si può

La Commissione Affari Sociali approva il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulla situazione della medicina dell’emergenza-urgenza e dei pronto soccorso in Italia

LE NOSTRE INTERVISTE 

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Necessario riconoscere le sub-specialità pediatriche

Carenza di specialisti, aumento delle malattie croniche nei bambini, diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure, denatalità: con Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria, facciamo il punto sulla professione del pediatra che oggi incontra non poche difficoltà

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

Fentanyl, occorre muoversi per tempo

L’uso improprio del Fentanyl, benché non rappresenti una minaccia per il nostro Paese, è oggetto di grande attenzione da parte del Governo che ha recentemente varato un piano ad hoc. Per capire di cosa si tratta e mettere in fila gli elementi chiave del ragionamento, abbiamo intervistato Sabina Strano Rossi, presidente del gruppo tossicologi forensi italiani, che entra per noi nel merito offrendoci una preziosa bussola per orientarci

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza”, commenta per noi l’impianto del primo decreto attuativo alla Legge 33. Sui tre interventi principali previsti dalla legge “troppa distanza”

Sivemp: I Medici Veterinari del Ssn a Congresso

Ha preso il via ieri il 52° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica che vede riuniti ad Arzachena fino al 24 maggio 250 medici veterinari di sanità pubblica delle Asl e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni