Via libera dal Cdm al Ddl Semplificazioni

Mar 27, 2024 | Governo e Parlamento

I 35 articoli del disegno di legge contribuiscono al conseguimento degli obiettivi della Missione M1C1-60 del Pnrr,

Il Consiglio dei ministri ha approvato ieri il ddl Semplificazioni che interviene in diversi settori. “La semplificazione è un percorso necessario per rendere la Pa più veloce ed efficiente e contribuire così allo sviluppo del Paese. Stiamo lavorando intensamente per migliorare tutti quei meccanismi, quelle procedure, quelle regole che disciplinano il rapporto con i nostri utenti, trasformando la burocrazia da ostacolo in opportunità, in una logica di confronto, di dialogo e di ascolto delle istituzioni e delle associazioni di categoria. Un metodo condiviso che rappresenta la vera novità di questa azione” ha sottolineato il Ministro della PA Paolo Zangrillo che in conferenza stampa ha presentato il disegno di legge insieme ai ministri Ministri Giorgetti (economia e finanze), Nordio (Giustizia), Roccella (Famiglia, Natalità e Pari opportunità) .

I 35 articoli del disegno di legge contribuiscono al conseguimento degli obiettivi della Missione M1C1-60 del Pnrr, aggiungendosi agli interventi già in vigore dallo scorso anno in numerose materie e alle semplificazioni per le attività artigiane introdotte con il recente Dl Pnrr. Attualmente sono in fase di verifica con la Commissione europea, attraverso le competenti strutture del Dipartimento della funzione pubblica e del Ministero per il Pnrr, circa 174 procedure già semplificate.

Ecco le principali norme relative alla sanità previste dal provvedimento:

Farmacie

Si prevede l’erogazione in farmacia di prestazioni del Servizio sanitario nazionale, anche in locali separati da quelli ove è ubicata la farmacia riportanti la denominazione di “farmacia dei servizi”, quali: la dispensazione di dispositivi medici necessari al trattamento dei pazienti in assistenza domiciliare, residenziale e semiresidenziale; prestazioni analitiche di prima istanza (test per glicemia, emoglobina, urine, etc.) non più limitate all’autocontrollo; la possibilità che i farmacisti, appositamente formati, possano somministrare tutti i vaccini individuati dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale nei confronti dei soggetti di età non inferiore a dodici anni; la possibilità di effettuare i test diagnostici per il contrasto all’antibiotico-resistenza, a supporto del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta; la possibilità di scegliere il medico di medicina generale e il pediatra di libera scelta tra quelli convenzionati con Servizio sanitario regionale. Due o più farmacie, di proprietà di soggetti differenti, possono esercitare in comune i servizi sanitari, previa stipula del contratto di rete.

Si modifica la normativa in materia di riconoscimento dei diritti delle persone sordocieche, riconoscendo la condizione di sordocecità a tutti coloro che manifestano durature compromissioni totali o parziali combinate della vista e dell’udito, congenite o acquisite, a prescindere dall’età di insorgenza.

 

TERRITORIO 

E ANCORA 

Desertificazione sanitaria

Desertificazione sanitaria

In occasione della XVIII Giornata europea dei diritti del malato si torna a parlare di un tema importante. Anna Lisa Mandorino (Cittadinanzattiva): contro la desertificazione sanitaria serve “un’alleanza tra istituzioni, professioni sanitarie e cittadini”

LE NOSTRE INTERVISTE

Basta con le misure tampone

Basta con le misure tampone

Sul difficile momento che sta attraversando la sanità pubblica abbiamo parlato con il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che entra nel merito della sua proposta per risollevare le sorti del nostro Ssn

Una risposta ai cittadini

Una risposta ai cittadini

La Regione Emilia Romagna ha presentato un piano per tagliare i tempi di prenotazione e accesso a visite ed esami specialistici. Previste agende aperte, più appuntamenti prenotabili, rafforzamento del personale per un investimento totale di 30 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con l’assessore alla sanità Raffaele Donini

E non dimentichiamoci dei chirurghi

E non dimentichiamoci dei chirurghi

Con Marco Scatizzi, presidente Acoi, affrontiamo i temi caldi del dibattito relativo al nostro sistema sanitario nazionale e al presente e futuro della professione di chirurgo. “La Governance della Sanità deve passare dal governo burocratico al governo clinico”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Sulla non autosufficienza “Manca ancora una riforma”

Cristiano Gori, coordinatore del “Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza”, commenta per noi l’impianto del primo decreto attuativo alla Legge 33. Sui tre interventi principali previsti dalla legge “troppa distanza”

Formare ed informare

Formare ed informare

Consumo di alcol e una scarsa consapevolezza dei rischi e delle opportunità di screening peggiorano il quadro delle patologie del fegato e a preoccupare oggi più che mai è la salute dei giovanissimi. Abbiamo ascoltato Vincenza Calvaruso, segretario nazionale Aisf, la quale entra per noi nel merito del problema

“Un sistema più etico”

“Un sistema più etico”

In attesa che la Corte di Cassazione si esprima in merito al meccanismo del payback per i dispositivi medici, Gennaro Broya de Lucia, presidente di Pmi Sanità*, ci regala la fotografia di un momento cruciale per il comparto (e per la Sanità tutta)

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Fumo, Sima: Serve intervenire su prevenzione

Nel mondo quasi 1,25 miliardi di fumatori, consuma tabacco un adulto su 5. Erano 1,36 miliardi (1 su 3) nel 2000. In Italia secondo l’Oms fuma il 22,4% dei cittadini, “ma nuovi divieti adottati da comuni rischiano di essere inefficaci”

Stabile la soddisfazione per la salute

Sul piano territoriale il Nord presenta un’81,6% di soddisfatti per la salute, a seguire il Centro con l’80,1%, quindi il Mezzogiorno con una quota pari al 76,9%

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni