Fse Migliore (Fiaso): Bene Governo, sfida parta da cure di prossimità

Giu 12, 2024 | FIASO, Guest, Voci

Per il presidente della Federazione “Senza un reale cambiamento delle cure primarie rischiamo di perdere l’ultima occasione che abbiamo a disposizione per assicurare ai nostri figli un servizio sanitario equo e universale”

 “La possibilità di avere a disposizione in modo semplice le nostre informazioni sanitarie, sempre e ovunque, è condizione indispensabile per affrontare la sfida della sostenibilità del servizio sanitario pubblico in un Paese dove più di un quarto della popolazione è anziana. Ma la disponibilità della tecnologia da sola non basta. In ambito sanitario  le potenzialità della tecnologia informatica sono sfruttate ancora troppo marginalmente, come ha recentemente documentato l’indagine condotta da Fiaso con il Politecnico di Milano. È quindi necessario lavorare con maggiore impegno per cambiare il modo di lavorare nelle nostre aziende, a partire dalle cure di prossimità. Senza un reale cambiamento delle cure primarie rischiamo di perdere l’ultima occasione che abbiamo a disposizione per assicurare ai nostri figli un servizio sanitario equo e universale, una conquista di libertà alla quale non possiamo e non vogliamo rinunciare. Occorre dunque puntare con più decisione sulla formazione dei professionisti. Il progetto presentato oggi dal Governo ci sembra adeguato alle necessità, in particolare abbiamo accolto con piacere la notizia di uno stanziamento dedicato di 300 milioni alla promozione del livello culturale degli operatori sanitari. Le aziende sanitarie e ospedaliere come sempre faranno la loro parte e Fiaso è a disposizione per contribuire a vincere questa sfida non più rinviabile”. Lo scrive in una nota il presidente Fiaso, Giovanni Migliore.

OPINIONI E PUNTI DI VISTA 

TERRITORIO 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

E ANCORA 

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Delegazione Ail dal Presidente Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto una delegazione Ail in occasione della Giornata nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma e per celebrare i 55 anni di attività dell’Associazione 

enterprice

ENTERPRISE

AziendePersone&Mercato

Diversità, equità e inclusione

Diversità, equità e inclusione

Sanofi consolida il suo impegno con un’ulteriore certificazione che conferma i risultati dell’azienda in termini di uguaglianza di genere

Il “Carbon Footprint” degli ospedali

Non esiste solo il bisogno di creare una “coscienza ambientale” nei pazienti e nei loro medici, ma è una necessità che deve essere condivisa anche da chi dirige la sanità. Il settore è ancora in una fase del “fai da te”

di Daniela Pedrini, Simona Ganassi Agger

SAVE THE DATE

SAVE THE DATE

Congressi&Convegni